Notizie

Roma: a gennaio, il grande Nicola Piovani al Teatro Eliseo, da protagonista

L'imperdibile appuntamento vedrà il celebre compositore impegnato nello storico teatro capitolino dal 26 al 31 gennaio del prossimo anno. Voci registrate e straordinarie melodie proporranno un singolare racconto in musica



Image title


Il nuovo anno vede già da subito profilarsi all'orizzonte un appuntamento imperdibile, di quelli che la Capitale aspetta e vive con trepidazione. Stiamo parlando dell'evento musicale che porterà in scena al Teatro Eliseo niente di meno che il grande Nicola Piovani. Il celebre compositore sarà infatti protagonista de "I viaggi di Ulisse" un momento di altissima musica da lui scritto e diretto, che si terrà dal 26 al 31 gennaio presso lo storico teatro capitolino. Ma cos'è "I viaggi di Ulisse"? Si tratta di una narrazione a sfondo mitologico e musicale, messo in piedi grazie all'uso di strumenti e voci che vengono concertati assieme, dando vita ad un amalgama senza precedenti, dove le emozioni e l'immaginazione permettono a ciascuno spettatore di dar vita ad una lettura ed ad un racconto del tutto personale, capace di trasportarlo indietro nei millenni e senza bisogno della semplice parola la quale, da sola, non sarebbe in grado di esprimere la portata delle sensazioni e della commozione che i fatti narrati portano con sè. Ne viene fuori letteralmente un "concerto mitologico" che si fa viaggio ideale nelle vicende odissiache, in grado così di sedurre ed incantare il pubblico, grazie anche ai testi di Konstantinos Kavafis, Omero, James Joyce, Torquato Tasso, Pindaro e Umberto Saba, accompagnati dalle voci registrate di Carlo Cecchi, Paila Pavese, Massimo Popolizio, Mariano Rigillo, Virgilio Zernitz, James Joyce, Siobhan McKenna, Chiara Baffi e Massimo Wertmuller, unitamente ai Disegni di Milo Manara ed al raccordo offerto dai Solisti dell'orchestra Aracoeli. In termini di strumentazione utilizzata, nell'organico sono presenti il pianoforte, il contrabbasso, il sax, il violoncello, le percussioni, la tastiera elettronica e le già citate voci registrate le quali, inserite nella partitura, finiscono con l'avere un ruolo sonoro di primo piano. Insomma, ce n'è abbastanza per segnalare questo evento e magari partecipare con entusiasmo, forti anche del nome di Piovani, che è una indiscutibile garanzia musicale.