Notizie

Roma capitale del turismo, aumentano arrivi e partenze

L’assessore capitolino Marta Leonori: "I dati raccolti tra gennaio e settembre segnano una crescita del 5,97% rispetto allo stesso periodo nello scorso anno"



Turisti a Roma foto©GazzettaRegionale“Una nuova conferma della buona salute dei numeri del turismo romano arriva dai dati elaborati dall’EBTL, l’Ente Bilaterale del Turismo del Lazio, relativi ai flussi turistici fino a settembre 2014”. Ne parla l’assessore capitolino Marta Leonori (Roma Produttiva). “Sono stati 1.114.067 gli arrivi a Roma registrati a settembre solo negli hotel della Capitale (343.587 turisti italiani e 770.480 stranieri), segnando un +5,69% rispetto allo stesso mese del 2013”.  “Gli stessi dati relativi al periodo gennaio-settembre 2014”, prosegue Leonori, “registrano 8.000.408 turisti, con un +5,97% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente per gli arrivi e +5,39% per le presenze. Se oltre agli alberghi si considerano le strutture ricettive extralberghiere (bed&breakfast, case vacanze ecc), la percentuale totale di crescita per il mese di settembre è di +5,69% per gli arrivi, di +6,32% per le presenze per il periodo gennaio- settembre rispetto allo stesso periodo del 2013: quasi 600mila turisti in più nei primi nove mesi del 2014 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, circa 1,3 milioni in più di presenze”. “Il primato nella classifica delle presenze straniere a Roma continua a essere detenuto dagli Stati Uniti, seguiti da Regno Unito, Germania, Francia, Spagna e Giappone. Si tratta di un trend in continua crescita che conferma Roma una meta turistica importante. Colpiscono alcuni dati sulla crescita del flusso di turisti provenienti dall'America Latina e in particolare dall’Argentina (cresciuti a settembre del 13,89% rispetto a settembre 2013) e dalla Cina (+16,09%); un mercato che continuiamo a monitorare e sul quale vogliamo investire, a cominciare dal portale di informazioni turistiche che vogliamo estendere alla lingua cinese”. “Con le associazioni di categoria, inoltre, stiamo lavorando ad una politica ‘chinese friendly’ di accoglienza per alberghi, negozi ristoranti e, più in generale, per tutti gli operatori dell’accoglienza”. “Misure e attenzioni”, conclude l’assessore, “che vogliono fare del turismo un’occasione di crescita economica per tutta la città”.