Notizie

Roma: la Scuola Ufficiali Carabinieri inaugura il nuovo Anno Accademico

Alla cerimonia, svoltasi ieri mattina, hanno partecipato il Presidente della Repubblica Mattarella ed il Ministro della Difesa Pinotti. Grande soddisfazione per l'impegno costante dell'Arma è stato espresso dal Comandante Generale Del Sette



Image title

Grande fermento,ieri mattina, nell’Aula Magna della Scuola Ufficiali Carabinieri di Roma. Con una partecipatissima cerimonia, l'Arma Benemerita ha voluto salutare solennemente l'inaugurazione dell’Anno Accademico 2015-2016.

Parterre d'eccezione. Per quanto concerne le Autorità, hanno preso parte in primissima fila il Presidente della Repubblica, Prof. Sergio Mattarella ed il Ministro della Difesa Sen. Roberta Pinotti, accompagnati dal Presidente della Camera On. Laura Boldrini, i Vice Presidenti del Senato Sen. Linda Lanzillotta e Sen. Maurizio Gasparri, il Ministro dell’Interno On. Angelino Alfano, il Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali On. Maurizio Martina, il Ministro dell’Istruzione, dell’Università, e della Ricerca Sen. Stefania Giannini, il Ministro della Salute On. Beatrice Lorenzin, Il Ministro per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione On. Maria Anna Madia, il Vicepresidente del C.S.M. On. Giovanni Legnini, il Primo Presidente della Corte Suprema di Cassazione Dott. Giovanni Canzio, il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Sen. Marco Minniti, quello al Ministero dell’Interno On. Gianpiero Bocci e quello al Ministero della Giustizia On. Cosimo Maria Ferri, il Presidente della Commissione Parlamentare Antimafia On. Rosy Bindi, il Presidente della Commissione Difesa della Camera On. Francesco Saverio Garofani, il Presidente del Consiglio di Stato Avv. Alessandro Pajno, il Presidente della Commissione di Garanzia dell’Attuazione Dott. Roberto Alesse, il Presidente dell’Autorità per l’Energia Elettrica, il Gas e il Sistema Idrico Ing. Guido Pier Paolo Bortoni, il Presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione Dott. Raffaele Cantone, il Capo di Stato Maggiore della Difesa Gen. Claudio Graziano, il Consigliere per gli affari del Consiglio Supremo di Difesa e Segretario del Consiglio Supremo di Difesa Gen. Rolando Mosca Moschini, il Consigliere Militare del Presidente della Repubblica Generale S.A. Roberto Corsini, il Direttore Generale del Dipartimento della Pubblica Sicurezza e Capo della Polizia Prefetto Alessandro Pansa, il Capo di Stato Maggiore della Marina Ammiraglio Sq. Giuseppe De Giorgi, il Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Gen. S.A. Pasquale Preziosa, Il Comandante Generale della Guardia di Finanza Generale di C.A. Saverio Capolupo, il Capo del Corpo Forestale dello Stato Ing. Cesare Patrone, il Direttore dell’Aisi Generale di C.A. Arturo Esposito, l’Arcivescovo Ordinario Militare per l’Italia Sua Ecc.za Mons. Santo Marcianò, il Presidente del Gruppo Medaglie d’Oro al V.M. Generale di B. Umberto Rocca, il Presidente dell’Associazione Nazionale Carabinieri in Congedo Generale di C.A. Libero Lo Sardo ed esponenti di numerosi organismi di rappresentanza dell’Arma.

Gli interventi. Il Comandante della Scuola, Generale di Divisione Vittorio Tomasone, ha dato il via alla cerimonia, evidenziado anzitutto il ruolo fin qui svolto dalla Scuola, tanto sul piano tecnico.professionale quanto morale, per mezzo di un costante richiamo “all’esercizio di una responsabilità fatta soprattutto di senso etico”, illustrando al contempo le attività didattiche svolte dall’Istituto, che attualmente è frequentato da Ufficiali di nazionalità afgana, cilena, turca ed albanese. Successivamente, ha preso la parola il Comandante Generale Tullio Del Sette, che ha ringraziato il Presidente Mattarella, gli organi di informazione, tracciando com'è consuetudine di questa manifestazione un bilancio dell’attività operativa dell'Istituto, con particolarissima menzione al  contributo che l'Arma offre nel sistema di Sicurezza nazionale nella prevenzione dei reati, nel coadiuvare l'Autorità giudiziaria, nel mantenimento dell'ordine pubblico, nella collaborazione ad iniziative internazionali di "peace keeping" (ben otto teatri operativi) così come nell'arginamento del fenomeno terroristico. A tale proposito, il Generale ha ricordato l'attività del R.O.S., sul piano investigativo il quale, alla vigilia dell’Attentato di Parigi, ha disarticolato un’organizzazione terroristica di matrice islamica con l’arresto di 17 jihadisti. Il Comandante Generale ha ricordato in conclusione che “il futuro prossimo è costellato di impegni e obiettivi di grande entità”, in totale adesione alla linea di efficienza ed alla valorizzazione delle risorse, promossa dal Governo, forti del fatto che “molto è stato fatto, ancor di più è da fare”. Inoltre ha preso la parola il Ministro della Difesa Sen. Roberta Pinotti, ricordando il ruolo svolto dal Capo dello Stato ben 16 anni fa allorquando, come Ministro della Difesa, volle “in maniera saggia e lungimirante, che l’arma dei Carabinieri, per la sua capillarità, la sua diversificazione e la sua intrinseca specificità, venisse elevata al rango di Forza Armata”. Il Ministro ha inoltre sottolineato come “molte Nazioni, anche tra le più evolute nel mondo, guardano con grande ammirazione, rispetto ed interesse a questa nostra Forza Armata in termini di organizzazione, impiego, flessibilità specializzazione e innovazione”. L'intervento della Pinotti si è Ministro chiuso formulando agli Ufficiali Allievi “l’augurio che, dai mesi passati in questa scuola, fino al termine della vostra carriera che spero lunga e prestigiosa per tutti… possiate, al termine di ogni vostra giornata in uniforme, dire, soprattutto a voi stessi: “Il mio Dovere l’ho fatto".