Notizie
Categorie: Nazionali - under 17

Romani: "Spero di seguire le orme di Crecco e Cataldi"

Con un gol e un assist contro l'Ascoli l'attaccante è stato il migliore in campo: "Soddisfatto, il gruppo cresce e si vede. Il mio sogno? Be', che domande, la Serie A"



Quello contro l'Ascoli è stato un successo tutt'altro che semplice. La formazione biancoceleste ha infatti impiegato più di un tempo per sbloccare una gara che, a conti fatti, è stata risolta anche grazie agli ingressi dalla panchina. Tra tutti, chi più di ogni altro ha saputo lasciare il segno è stato sicuramente l'attaccante Romani. La punta ha fatto il suo ingresso in campo all'inizio del secondo tempo (al posto di Natali, ndr) lasciando, con un gol e un assist, un marchio indelebile sul match.

Romani, migliore in campo contro l'AscoliPresente. Intercettato dopo la partita, Romani è giustamente soddisfatto della propria prestazione che così commenta: “Sono molto contento della prestazione sopratutto perchè contro un avversario difficile come l'Ascoli”. Proprio a proposito degli avversari e di come la Lazio ha saputo imporsi l'attaccante ci dice: “Ci aspettavamo una partita complicata visto il livello dell'Ascoli ma siamo stati bravi a far nostra la partita. Stiamo crescendo e i risultati si vedono sul campo”. In effetti la prestazione della Lazio nel secondo tempo è stata decisamente positiva. Le giocate di Romani, assieme all'ingresso di Lavagna, ha dato una decisa sferzata d'energia all'attacco biancoceleste.

Futuro. A questo punto lecito chiedere sin dove può arrivare questa Lazio. Romani nn ha dubbi: “Lo spogliatoio è sempre più unito e questo si nota anche quando giochiamo. Stiamo crescendo e maturando soprattutto in vista del prossimo anno dove affronteremo un campionato molto competitivo”. L'ultima battuta è sugli obiettivi personali del centravanti: “Adesso penso a crescere e a migliorare. L'obiettivo? - ci confida con il sorriso – magari la Serie A con la Lazio, sperando di ricalcare le orme di Crecco o di Cataldi”. La strada per Romani è ancora lunga ma certo è che l'inizio è di quelli da applausi.