Notizie

Romulea, Zara fiducioso: “Solo impressioni positive”

Il tecnico di Via Farsalo soddisfatto del precampionato svolto, sottolineando come il lavoro sia appena cominciato



Il tecnico ZaraGli allenatori confermati alla guida della stessa squadra hanno, solitamente, il vantaggio di conoscere i propri ragazzi e di essere a loro volta conosciuti dagli stessi; un vantaggio, non sperimentato da Gianluca Zara. Il giovane allenatore infatti, approdato l’anno scorso alla Romulea e posto alla guida dei 2002, allora Esordienti, è stato confermato nel lancio in Elite: ma il gruppo a sua disposizione è fortemente mutato, tanto da dover essere considerto una squadra nuova. “Si, è un collettivo che si è formato questa estate, con l’inserimento di 17-18 nuovi elementi, prelevati da diverse società. Questi fattori aumentano di conseguenza la quantità di tempo necessaria per farli ambientare ed amalgamare fra loro. Però, tutto sommato, devo dire che il precampionato non è stato affatto negativo, né dal punto di vista dei risultati né da quello delle prestazioni. Posso dirmi fiducioso.” Idee già chiare per mister Zara su come far giocare i suoi. Puntando sulla stabilità di modulo e idee di gioco, il tecnico cercherà così trasmettere ai suoi sicurezza: “Stiamo lavorando su un modulo, specificatamente un 4-2-3-1 o 4-3-3, e su un impianto di gioco ben definito per dare certezze ai ragazzi. Puntiamo a proporre gioco propositivo. Un aspetto positivo della mia squadra? Sicuramente la predisposizione dei ragazzi a recepire velocemente le indicazioni date loro. Dobbiamo affinare, invece, la compattezza, la voglia di costruire qualcosa di importante. Ma non ho nulla da rimproverare: nel breve periodo i miei ragazzi stanno rispondendo in maniera adeguata alle sollecitazioni.” Non ci pensa due volte il mister, alla domanda su un suo punto di forza: “Sono sincero e diretto con i miei giocatori. Sempre. Questo credo sia un mio pregio. Il fatto poi che fino a poco tempo fa ero anche io sul campo a giocare, credo mi aiuti a La squadracapire subito le esigenze di ciascuno di loro.” Un commento anche sulla Roma, incontrata da Zara nella semifinale del Testa e principale forza del girone A: “L’ho già vista in altre occasioni, è una squadra fantastica, allenata da un mister (Antonello Mattei, ndr) che mi piace molto. Per quanto riguarda quella semifinale, non immaginavamo di  essere così nulli, di rimanere rintanati nella nostra metà campo. Nel secondo tempo però siamo riusciti a mostrare in parte quel che sappiamo fare: il palleggio, lo sviluppo delle giocate partendo dal possesso palla basso… però, che dire, affrontavamo un avversario che effettuava una pressione importante. Dobbiamo lavorare proprio per questo, per imparare a confrontarci anche con squadre di quello spessore.”