Notizie
Categorie: Dilettanti - Serie D

Roversi - Cioè: l'Aprilia stende l'Astrea con un gol per tempo

Il team di Fattore parte con il piede giusto in campionato. I ministeriali, che reclamano per un calcio di rigore sullo 0-0, non ripetono la prestazione di Coppa Italia



Le squadre all'ingresso in campoMARCATORI Roversi 40’pt, Cioè 33’st

APRILIA Caruso 6.5, Montella 6, Esposito 6, Maola 6 (9’st D’Ambrosio 6), Crepaldi 6.5 (12’st Cannariato 6), Sossai 6, Cioè 6.5, Fabiani 5.5, Roversi 7, Pagliaroli 6.5 (27’st Toto 6), Giangrande 6.5 PANCHINA Casciotti, Trincia, Areni, Chiarucci, Mele, Molinari ALLENATORE Fattori

ASTREA Micheli 5.5, Cruciani 6, Di Iorio 5.5 (1’st Giuntoli 5.5), Pentassuglia 6 (1’st Gaeta 5.5), Di Benedetto 6, Cataldi 5 (11’st Maurizi 6), Fazio 6, Sannibale 5.5, Mollo 6, Simonetta 6.5, Briotti 5.5 PANCHINA Ciurlini, Di Fiordo, Forchini, Guglielmi, Travaglini, Amico ALLENATORE Rambaudi

ARBITRO Garofalo di Torre del Greco 5.5

ASSISTENTI Greco di Battipaglia, De Prisco di Nocera Inferiore

NOTE Ammoniti Simonetta, Di Benedetto, Maola, Cruciani, Giangrande Allontanato al 15’pt Rambaudi (As) per proteste Angoli 3-6 Rec. 2‘pt - 4st

Con un gol per tempo, l’Aprilia stende l’Astrea e parte con il piede giusto in campionato. Gara sbloccata dal guizzo di Roversi e chiusa dal contropiede finalizzato da Cioè. In mezzo un’Astrea che ha provato a rendersi pericolosa, giocando un buon primo tempo, nel quale ha reclamato per un rigore apparso evidente per fallo su Simonetta, ma calando vistosamente nella ripresa. Ministeriali che quindi non replicano la splendida prestazione di Coppa contro il Palestrina.


Avvio vivace. Partita che inizia subito in maniera brillante. I padroni di casa di mister Fattori provano a farsi vedere in avanti con Pagliaroli, che viene murato da Micheli al termine di una splendida serpentina personale. La reazione dell’Astrea arriva al 10’, con un sinistro esterno di Simonetta che termina di poco al lato. Con il passare dei minuti i ragazzi di Rambaudi guadagnano metri e mettono in mostra un buon possesso palla, fatto di passaggi rapidi e veloci capovolgimenti di fronte. Al 15’ Simonetta si invola in contropiede e mette a sedere Montella con una doppia finta. Il capitano pontino, cadendo, ostacola il numero dieci ministeriale che termina a terra al momento della battuta. Sembra un evidente calcio di rigore, ma l’arbitro opta per una simulazione. Estrae il giallo per Simonetta e allontana Rambaudi per le vibranti proteste per il mancato fischio. L’Astrea, comunque, non si scompone e al 21’ Fazio parte in velocità, si libera in area, ma calcia debolmente tra le braccia di Caruso. Nella seconda metà della prima frazione, la gara si appiattisce e improvvisa arriva la rete che sblocca la gara. Cross di Esposito, esce male Micheli e Roversi di testa insacca l’1-0 per la squadra di Fattori. Poco prima dell’intervallo è ancora l’Astrea a farsi vedere in avanti, ma questa volta Micheli salva in uscita bassa su Roversi.


Ripresa.
Nell’intervallo Rambaudi inserisce Giuntoli e Gaeta, ma senza modificare l’assetto tattico della sua squadra. Gli innesti non cambiano l’inerzia della gara, con l’Astrea che non riesce più a manovrare come in avvio di gara. All’11’ i ministeriali operano la loro terza sostituzione con l’ingresso di Maurizi, che va a formare il tridente offensivo con Simonetta e Giuntoli per il 3-4-3 con cui Rambaudi ridisegna la sua squadra. Gli ospiti si sbilanciano e l’Aprilia ne approfitta in contropiede. Al 19’ si invola Giangrande sulla sinistra, mette al centro dove Pagliaroli, contrastato da Cruciani, calcia di un soffio alla destra di Micheli. Lo stesso Cruciani, sul capovolgimento di fronte, mette in area un cross insidioso che Caruso sventa di pugno. Nonostante l’assetto più offensivo, però, l’Astrea non riesce a costruire azioni pericolose, mentre l’Aprilia contiene con ordine le offensive avversarie. Al 25’ Fazio serve Maurizi, che controlla e pesca Simonetta. Il tocco di precisione del numero 10 ministeriale viene deviato in corner da Caruso con un bel colpo di reni.  Sugli sviluppi dell’angolo, Giangrande copre tutto il campo in contropiede, serve Fabiani che, invece di passare a Roversi al centro, lascia partire un tiro che sorvola la traversa. L’Astrea prova ad aumentare la pressione e al 26’ va vicinissima al pareggio, con una conclusione di Gaeta che scheggia la traversa e si spegne sul fondo. All 33’ l’Aprilia chiude la contesa. Ennesima galoppata di Giangrande sulla sinistra, cross al centro dove Cioè, incredibilmente solo al centro dell’area, colpisce di testa e insacca la sfera sotto la traversa. Al 39’ torna a farsi vedere l’Astrea. Lancio di Cruciani, tocco di testa di Maurizi e tiro al volo di Fazio che termina di poco fuori. L'ultima chance della partite capita in pieno recupero a Giuntoli, che però calcia alto sopra la traversa.


Gara che si chiude sul 2-0 per l’Aprilia, che cercherà conferme nella trasferta di Terracina, mentre l’Astrea affronterà nuovamente il Palestrina, nella speranza di ripetere il rotondo risultato ottenuto in Coppa.