Notizie
Categorie: Dilettanti - Eccellenza

Rubino stende un ottimo Pomezia: il Serpentara passa di misura

La formazione di Lucidi soffre contro la compagine di Punzi, che chiude la gara in nove, ma sfiora in pieno recupero il clamoroso pareggio



POMEZIA – SERPENTARA BELLEGRAOLEVANO 1-2

MARCATORI Petrangeli 29’pt rig. (S), Ciccarelli 35’pt rig. (P), Rubino 12’st (S)

POMEZIA Santilli 7.5, Morini 6, Peri 6, Nardi 5, Martinelli 5.5, Sales 6 (40’pt Papili 6), Fedeli 6.5, Bacchiocchi 5.5, Ciccarelli 6 (22’st Bianchini 5.5), Romondini 6, Muratore 5.5 (22’st Pascucci 6.5) PANCHINA Mastella, Caratelli, Barbarisi, Flore ALLENATORE Punzi

SERPENTARA Petrucci 6, Brasiello 6.5, De Santis 6, Rubino 6.5, Casciotti 5.5 (5’st Fazi 5.5), Rocchi 6, Maione 6, Di Fazio 6, Petrangeli 6 (16’st La Rosa 6), Barile 6.5, Dominici 5.5 (30’st Scotto di Clemente) PANCHINA Generoso, Basilico, Taglietti, Lasala, Spaziani ALLENATORE Lucidi

ARBITRO Cosignani di San Benedetto del Tronto, 5

ASSISTENTI Pantano di Frosinone, Potenza di Roma 1

NOTE Espulso al 40’pt Nardi (P) per doppia ammonizione, al 31’st Bacchiocchi (P) per proteste. Allontanato al 6’st mister Lucidi (S) per proteste Ammoniti Rubino, Peri, Martinelli, Rocchi, Petrucci Angoli 4-5 Rec. 1’pt – 4’st


Il rigore di Petrangeli che ha sbloccato la garaUn Serpentara sottotono espugna il Comunale di via Varone e resta in vetta alla classiifica. Tre punti arrivati al termine di un match difficile, merito di un Pomezia in grado di tenere testa in inferiorità numerica già dal 40’ del primo, salvo chiudere il match in nove giocatori negli ultimi 15’. Due uomini in meno che non hanno impedito al team di Punzi di restare in partita e, addirittura, sfiorare clamorosamente il pareggio in pieno recupero.


Primo tempo. Il Serpentara inizia in maniera guardinga, soprattutto per l’atteggiamento aggressivo del Pomezia, sceso in campo sin dall’avvio in maniera vivace, pressando alto i difensori ospiti e provando a verticalizzare rapidamente. Le prime due azioni della gara sono in favore dei pontini, ma i colpi di testa di Nardi e Muratore non centrano lo specchio. Con il passare dei minuti la squadra di Lucidi alza il baricentro ed inizia a manovrare con maggiore incisività. Imbucata centrale di Barile per Petrangeli, ma la sua conclusione viene rimpallata dalla difesa di casa. Al 28’ arriva la prima svolta fella partita. Brasiello crossa in area, Barile non trova il tocco e la palla termina sul braccio di Nardi. L’arbitro assegna il rigore ed ammonisce il centrale rossoblu. Padroni di casa che però protestano per un fallo su Bacchiocchi in avvio dell’azione. Sul dischetto si porta Petrangeli che calcia di potenza sotto la traversa. Il Pomezia prova a riorganizzarsi, ma il Serpentara sfiora subito il raddoppio. Al 32’ una punizione di Barile viene toccata da Santilli e termina sul palo. Sulla respinta si avventa Petrangeli, che calcia da due passi, ma Santilli è straordinario a mettere in corner. Il pericolo scuote il Pomezia che pareggia subito i conti. Lancio di Maione per Ciccarelli, la punta prende posizione su Rocchi, che lo trattiene da dietro. L’arbitro tentenna, quindi indica il dischetto. Sul punto di battuta va lo stesso Ciccarelli, che insacca nell’angolo basso. Gara che torna a calare di ritmo, ma al 40’, per un fallo di Nardi a centrocampo, arriva il secondo giallo per il centrale pontino. Punzi corre subito ai ripari leva Sales, inserisce Papili e sposta Morini al centro della difesa, ma non accade più nulla fino all’intervallo.


Secondo tempo. Nella ripresa il match non cambia. Il Pomezia parte nuovamente in avanti e al 5’ Bacchiocchi serve Muratore, che si libera del difensore e da buona posizione strozza troppo il tiro che termina sul fondo. Il Serpentara, dal canto suo, si accende solo a strappi, sempre grazie alle accelerazioni di Barile. All’11’ è proprio l’ex Real Pomezia a sfiorare il raddoppio, ma sulla sua conclusione da due metri è semplicemente miracoloso Santilli a mettere in angolo. Il gol è solo rimandato, perché proprio sugli sviluppi del corner arriva l’incornata vincente di Rubino. Il Pomezia si scuote subito e si riporta in avanti. Punzi cambia la coppia d’attacco e gli innesti di Pascucci e Bianchini sembrano dare una scossa al team pontino. Al 26’ palla perfetta di Bacchiocchi e tocco al volo sotto porta di Pascucci, che non trova lo specchio. Nonostante l’uomo in più Lucidi si copre con l’inserimento di Scotto di Clemente e al 31’ arriva il secondo cartellino rosso della gara. Pascucci si libera del difensore ed entra in area lungo la linea di fondo. Mette al centro un pallone per l’accorrente Bianchini ma è un difensore ospite a respingere la sfera nuovamente sui piedi di Pascucci. Il primo assistente di linea segnala un incredibile fuorigioco che manda su tutte le furie i padroni di casa. A pagarne le conseguenze è Bacchiocchi, che si lascia scappare una parola di troppo nei confronti del guardalinee. Sotto di due uomini, il Pomezia non rinuncia ad attaccare e si espone alle ripartenze avversarie, ma Santilli è bravo due volte su Fazi e Di Fazio. Per il Pomezia ci prova anche Romondini , ma senza fortuna. La spinta pontina non accenna a diminuire e in pieno recupero la squadra di Punzi sfiora l’incredibile pareggio. Parla con il contagiri di Fedeli e Bianchini, da dentro l’area del portiere, manca clamorosamente l’impatto con la sfera.