Notizie

Russo risponde a Passeri: Ostiamare e Vigor Perconti si dividono il big match

Sul sintetico dell'Anco Marzio succede tutto in un quarto d'ora poi, a regnare, è l'equilibrio.



9a Giornata
1 - 1

MARCATORI  4'pt Passeri (V), 15'pt Russo (O)
OSTIAMARE  Vicchi 6.5, Miconi 6, Dolor 6 (29'st Cerra 6), Belardelli 6, Laudicino 6 (40'st Forchino s.v.), Carrera 6, Mirante 5 (41'st Alessandrini s.v.), Cabella 7, Russo 6.5, Morra 5.5, Chinapah 6 (18'st Mambrini 6) PANCHINA Lorenzo, Tornatore, Bizzaglia ALLENATORE Ranese 6
VIGOR PERCONTI Fabiani 6, D'Aprile 6 (37'st Checola s.v.), Crapolicchio 7, Marra 5, Passeri 7, Valentini 6, Brunetti 6, Clarioni 6, Ciorba 6.5 (26'st Bamba 6), Mastrantonio 6 (11'st Bellardini 6), Renzi 6 PANCHINA Rizzi, Pompei ALLENATORE Caranzetti 6.5
ARBITRO Lanciotti di Roma1
NOTE Ammoniti Laudicino, Bellardini Ang. 2-9 Rec. 3'pt - 4'st

Si chiude con un pareggio il Novembre infuocato della Vigor Perconti . Quello dell'Anco Marzio era infatti l'ultimo incrocio pericoloso che l'undici di Caranzetti aveva da affrontare prima della chiusura del girone d'andata. L'Ostiamare, dal canto suo, continua a mantenere intatta la propria imbattibilità dimostrando ancora una volta di essere formazione matura per poter rientrare nel circolo delle grandi.

Image titleCambia pelle. L'imminente partenza di Bamba e le sempre più frequenti convocazioni di Bellardini con i '98, costringono Caranzetti a trovare un nuovo equilibrio alla sua macchina perfetta. Il tecnico in parte ci riesce, soprattutto nel reparto offensivo, avanzando Ciorba che prende così il posto del compagno ormai prossimo al passaggio alla Lazio. Discorso diverso per il centrocampo dove al momento bisogna fronteggiare anche un'assenza pesante come quella dello squalificato Remia. La mancanza di Bellardini si sente soprattutto dal punto di vista geometrico con la squadra che, in mancanza delle sue verticalizzazioni, si affida esclusivamente a palloni lunghi. Sulla trequarti, Mastrantonio dimostra di saper sì giocare tra le linee ma non ha ancora assimilato quei movimenti che rendevano le incursioni di Ciorba una vera e propria arma in più per i blaugrana. Caranzetti avrà il suo bel da fare se vuole mantenere immutato il suo sistema di gioco senza il rischio di ritrovarsi, incredibile ma vero, con una coperta che a volte rischia di rivelarsi decisamente corta.

Tutto in un quarto d'ora. Nonostante i cambiamenti di forma, per la Vigor la sostanza è sempre la stessa. I blaugrana fanno del cinismo e dei calci piazzati i loro punti di forza e non mancano di dimostrarlo anche ad Ostia. Dopo appena quattro minuti gli ospiti sbloccano il match sugli sviluppi di un calcio d'angolo su cui sarà Passeri a svettare più in alto di tutti. Il gol però non destabilizza i padroni di casa che dimostrano di saper digerire alla grande la rete. I biancoviola spingono tanto che al quarto d'ora rimettono in parità il risultato grazie ad un guizzo di Russo che, dopo una bella azione in verticale, è abile nel farsi trovare pronto dal limite dell'area trafiggendo Fabiani con un rasoterra chirurgico.

Mirko Russo, autore del gol del pari biancoviolaPartita a scacchi. Dopo un simile avvio la guardia delle due squadre si fa decisamente più alta. Ostiamare e Vigor Perconti rischieranno poco, dando anche meno intensità al match rispetto alle loro precedenti uscite. Ecco così che ne viene fuori un match chiuso, soprattutto nella parte centrale, dove le occasioni si conteranno sulla punta delle dita. Alla mezzora del primo tempo i biancoviola ci provano con una bella ripartenza ma, prima il tiro dal limite di Cabella deviato, e poi la zuccata di Carrera sul seguente angolo non sortiscono gli effetti sperati. Nella ripresa la Vigor viene fuori con maggiore insistenza anche grazie agli ingressi di Bamba e Bellardini, che però a volte tende ad abbassarsi troppo andando così a sovrapporsi a Marra e abbandonando la coppia d'attaccanti a volte troppo sola per scardinare la retroguardia avversaria. L'unico guizzo della ripresa sarà però ad opera dei ragazzi di Caranzetti. Al dodicesimo, Brunetti calcia direttamente in area una punizione dalla trequarti su cui il tocco di Vicchi è provvidenziale per deviare la sfera sulla traversa con Ciorba che poi, disturbato da un difensore, non riesce a ribadire in rete.

All'anco Marzio, Ostiamare e Vigor Perconti impattano quindi sull'1-1 con il Savio di Cavezzi e l'Urbetevere di Ripa che ringraziano e si inseriscono nei vertici di una classifica mai stata tanto serrata.