Notizie

Salario accessorio, Marcello De Vito: "Intervenire il prima possibile"

Il consigliere M5S: "Sospendere questo atto unilaterale il prima possibile e tornare a discutere per una soluzione diversa"



Marcello De VitoA margine dell'assemblea Usb organizzata dal gruppo sindacale per protestare contro la riforma del salario accessorio, il capogruppo capitolino del M5S, Marcello De Vito ha spiegato a "Gazzetta Regionale" le ragioni della riunione."

L'amministrazione comunale sta malgestendo la situazione in quella che doveva essere la casa di vetro dei cittadini. 

Imporre una politica di riduzione ai 24000 dipendenti comunali è inaccettabile. È giusto punire gli errori da parte di qualcuno (si riferisce alla vicenda vigili, ndr), ma non si può prendere questo come presupposto per portare avanti in maniera unilaterale la contrattazione salariale. Il comune deve invece trovare le risorse: ci sono 22 concorsi comunali i cui vincitori non sono stati ancora assunti. Se qualcuno ha sbagliato - ribadisce De Vito - è giusto che paghi, ma non si può estendere questo errore all'intero gruppo dei lavoratori cittadini. Bisogna quindi sospendere questo atto unilaterale il prima possibile e tornare a discutere per una soluzione diversa".