Notizie
Categorie: Dilettanti - Serie D

San Cesareo, finalmente la prima gioia della stagione: il Sora si arrende nella seconda frazione

I rossoblu mandano ko la compagine di mister Castiello con una magia su punizione di Brack



SAN CESAREO – SORA 1-0 

MARCATORI Brack 29’st 

SAN CESAREO Matera 6.5, Desantis 6, Montesi 5.5, Tirelli 6, D’Ambrosio 6, Brack 7, Merlonghi 6.5 (40’st Luciani 6.5), Gissi 6, Pascu 6, Casimirri 6 (15’st Ceccarelli 5.5), Sorrentino 6 (15’st Cericola 5.5) PANCHINA Ulissi, Tarantino, Forti, Olivieri, Stazi, Maione ALLENATORE Perrotti

SORA Frasca 6, Berardi 5.5 (17’st Cardazzi 6), Maccaroni 6, De Bruno 6 (36’st Jukic sv), D’Andrea 5.5, Bellucci 6, Prata 5.5, Cruz 6.5, De Marco 5.5 (27’st Blandino), Soudant 6.5, Copponi 6 PANCHINA De Robertis, Cestrone, Barbuzzi, Barigelli, Fischetti, Cataldi ALLENATORE Castiello 

ARBITRO Marini di Trieste, 6.5 

ASSISTENTI Fredianelli di Grosseto, Principe di Milano 

NOTE Ammoniti Soudant, Cardazzi Rec. 2’pt – 4’st   


Un'immagine di gioco ©GAZZETTAREGIONALESoltanto con una magia. San Cesareo – Sora si poteva sbloccare soltanto così e ci ha pensato un super gol di Brack a regalare la gioia dei tre punti ai padroni di casa. Una perla, un colpo da maestro. Brack sale in cattedra e fa gioire il tecnico Perrotti con una staffilata su punizioneche ha mandato ko la compagine di mister Castiello. Cosa è mancato al Sora? Probabilmente la forza di reagire dopo il gol. I bianconeri hanno giocato un buon calcio per la maggior parte della partita. Dopo la rete del numero 6 però, si è spenta la luce e il San Cesareo, visto e considerato le occasioni nel finale di partita, ha meritato la vittoria.  


Il match. Dopo l’ok del signor Marini di Trieste comincia la gara e dopo una prima fase di studio i padroni di casa si fanno vedere al minuto 15 con il bel colpo di testa di D’Andrea che sfiora l’incrocio dopo il calcio d’angolo di Merlonghi. Il Sora, che in precedenza ha protestato per un dubbio contatto in area tra Cruz e il portiere di casa, prova a farsi vedere al18’: Soudant, nella metà campo rossoblu, prolunga di testa per Cruz che brucia in velocità il suo diretto marcatore, si avvicina alla porta solo soletto, ma appena entra in area incespica sulla sfera e l’azione sfuma per la disperazione dei tanti tifosi del Sora accorsi al Pera. Al 23’ bella azione personale di Merlonghi che sulla sinistra supera molto bene Berardi e all’altezza del vertice sinistro dell’area piccola preferisce tirare in porta invece di cercare un compagno a supporto e per Frasca la parata non è difficile. Nel finale di primo tempo entrambe le squadre sfioreranno il gol: prima la compagine ospite con la zuccata di Cruz nel cuore dell’area di rigore, ben respinta da Matera, e successivamente per i locali una bellissima conclusione in diagonale del solito Merlonghi che si spegne di pochissimo sul fondo. Dopo un primo tempo davvero molto equilibrato passiamo alla seconda frazione, che si apre con una clamorosa occasione per il Sora gettata al vento da Prata che, a seguito di un cross dalla sinistra, sbuca sul secondo palo, ma con il piattone manda la palla alle stelle. Passata la paura, il San Cesareo torna ad attaccare e al 17’ sarà sfortunatissimo quando D’Ambrosio colpirà il palo di testa a Frasca praticamente battuto. Questo però sarà soltanto il preludio del gol, anzi della magia di Brack che direttamente su punizione fa partire un bolide incredibile che s’insacca esattamente dove il portiere bianconero non può arrivare, ovvero l’incrocio dei pali: 1-0. Subìto il gol, al Sora manca l’energia per provare l’assalto finale e i ragazzi di Perrotti provano allora a chiudere definitivamente i giochi, sfiorando in paio di circostanze il gol del raddoppio con l’ex Lupa Roma, Luciani.