Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Nazionali

Sconfitta col giallo: Lazio battuta sulla sirena dall'Acqua&Sapone

Rocambolesca sconfitta per la compagine di mister Mannino che si arrende solamente al fotofinish



I biancocelesti alzano bandiera bianca di fronte all'Acqua&Sapone, ma lo fanno nella maniera più assurda e rocambolesca possibile. Ripresi dopo il 3-1 di Pacheco, i biancocelesti difendono il pareggio con le unghie e con i denti, ma proprio sulla sirena Burrito fa 3-4 regalando una cocente delusione alla squadra di Mannino.  

Primo tempo Dopo due minuti di gioco è l'Acqua&Sapone a creare la prima occasione: Pacheco perde un pallone banale, Murilo serve Cesaroni che da due passi sbatte sul palo. Si fa vedere anche la Lazio con Sachet, è il settimo minuto e la sua conclusione termina a lato. Novanta secondi più tardi Jonas si presenta davanti a Patrizi, lo supera con un delizioso tocco sotto, ma Juninho salva sulla riga di porta. L'azione si capovolge e al termine di uno splendido e insistito duetto fra Pacheco e Perri, la Lazio passa in vantaggio col gol dell'argentino, al ritorno in campo dopo l'infortunio patito al PalaBrillia di Corigliano. Al quindicesimo, però, pareggia l'Acqua&Sapone che, con una sassata di Jonas, fa 1-1. Nel finale di primo tempo un'occasione per parte: prima è Pacheco che, messo a sedere Sidney, supera Mammarella ma trova l'opposizione finale di Burrito, poi è proprio quest'ultimo a deliziare il PalaGems con una rovesciata da album Panini, col tiro che termina di poco a lato.  

Secondo tempo Si riparte e dopo cinque minuti l'Acqua&Sapone crea una ghiotta occasione con Jonas, ma Patrizi in spaccata dice di no. Sale in cattedra Pacheco che prima semina il panico nella difesa di Bellarte – nell'occasione assist a Fortini e palo esterno -, poi a cavallo fra il settimo e il decimo due gol a spezzare l'equilibrio: il secondo è una perla, difesa ubriacata e palla sotto la traversa, imprendibile per Mammarella. Sembra la volta buona, ma non è così: a 8' dalla fine la mossa vincente di Bellarte: portiere di movimento. Jonas accorcia su tiro libero, poi Juninho mette fuori causa Patrizi per l'autogol che vale il 3-3. Un finale concitatissimo regala un'Acqua&Sapone votata all'attacco, con Patrizi strepitoso in tre circostanze su Jonas, Burrito e ancora sull'ex Marca Futsal. Il finale è un giallo: a 2'' dalla fine Paulinho batte un corner, la palla non si sa come sbuca sui piedi di Burrito che solo davanti a Patrizi batte il portiere biancoceleste sul suono della sirena. Gli arbitri convalidano il gol, ma i dubbi restano.  

Uno scatto del match

LAZIO-ACQUA&SAPONE 3-4 (1-1 pt) 

LAZIO Patrizi, Gioia, Sachet, Cittadini, Fortini, Pacheco, Chilelli D., Nardacchione, Perri, Schirone, Juninho, Chilelli T. All. Mannino 

ACQUA&SAPONE Mammarella, Burrito, Paulinho, Mimi, Lancia, Sidney, Mambella, Murilo, Montefalcone, Cesaroni, Jonas, Schiochet All. Bellarte 

RETI 8'47'' pt Perri (L), 14'49'' Jonas (A), 7'17'' e 10'57'' Pol Pacheco (L), 13'10'' Jonas (A), 14'29'' aut. Juninho (A), 19'59'' Burrito (A) 

AMMONITI Gioia (L), Jonas (A), Cittadini (L), Sachet (L), Burrito (A), Nardacchione (L) ESPULSI Montesfalcone (A) ARBITRI Maggiore (Bologna), Mazzone (Imola) CRONO Filippini (Roma 1)