Notizie
Categorie: Giovanili - Giovanissimi

Segna sempre Bartolotta: l'Urbetevere non brilla e stende l'Aurelio di misura

La rete del talento ex Futbolclub decide a sfida in via della Pisana. I gialloblu faticano contro la formazione di Ameli, che esce a testa alta da questa difficile trasferta



URBETEVERE – AURELIO                 1-0

MARCATORI Bartolotta 5' pt 

URBETEVERE Carolis 6, Momaldi 5.5,Chirilenco 6.5, Capparella 5, Mengoni 6, Paola 6.5, Mezzetti 5.5 (33'st Ferrari sv), Santarelli 5.5 (8' st Di Giovanni), Cipriani 5.5 (25'st Campo), Bartolotta 7 (32' st Meloni sv), Zappalà 5.5 (18' stParventi) PANCHINA Colagrossi, Lochi ALLENATORE Lillo 

AURELIO Di Clemente 6.5, Pasquali 6.5,Pezzuto A. 6, Croce 5.5 (31' st Conti sv), Minciacchi 6.5 (34' stMarrone), Stazi 5.5, Firmi 6 (34' pt Pica 6), Spiridigliozzi 5.5 (31'st Nicoletti sv), D'Onofrio 6 (11' st Granati 6.5), Sannipoli 6.5,Pezzuto D. 6 (34' st Ciccorelli sv) PANCHINA Corrado, Granati  ALLENATORE Ameli 

ARBITRO Bracaletti di Roma 1 

NOTE Ammoniti Pezzuto D., Capparella Angoli 4-0 Fuorigioco 3-0 Rec. 1' pt, 4' st

Non è stata la miglior Urbeteveredella stagione, anzi. La meravigliosa squadra ammirata nei tornei preseason non è quella vista in campo contro l'Aurelio. I ragazzi diLillo, infatti, non riescono mai ad esprimere il loro gioco, con unacircolazione del pallone lenta e prevedibile, risultando a trattiaddirittura impacciati. Alla fine, però, i gialloblu riescono aportare a casa tre punti contro un ottimo Aurelio grazie ad una magiain apertura di Bartolotta. Merito, comunque, alla formazione diAmeli. I granata hanno lottato in ogni zona del campo, difendendosicon abnegazione e tentando, soprattutto nella ripresa, di creare ipresupposti per tornare con un risultato positivo da questadifficilissima trasferta.

A sinistra Bartolotta, suo il gol vittoria © photosportiroma.itBastano meno di cinque minutiall'Urbetevere per passare in vantaggio. Calcio d'angolo dalla destra calciato basso da Capparella per Bartolotta, liberato da una serie di blocchi. Destro al volo di pregevole fattura e sfera in fondo al sacco. La pressione della formazione di Lillo non si placa nonostanteil vantaggio. L'Aurelio si difende con undici uomini, cercando direspirare con qualche accenno di ripartenza, ma i locali tengono inmano il gioco senza troppa difficoltà, provando a scardinare ilfortino ospite con calma e un prolungato possesso palla, troppo lentoper creare spazi tra le maglie avversarie. Così, con pazienza, igialloblu costruiscono una buona occasione al 23'. Bella manovra dadestra a sinistra, sponda di Bartolotta per Santarelli, ma ilsinistro da buona posizione del centrocampista è fuori misura. Nelfinale di frazione i granata provano ad alzare il baricentroallentando la pressione, ma senza riuscire a creare grattacapiparticolari a Carolis prima della fine del primo tempo.

Nella seconda frazione il copione restalo stesso, anche se la prima conclusione verso la porta è di marcaAurelio, con Minciacchi che ci prova da fuori ma senza impensierireCarolis che blocca sicuro. I ragazzi di Ameli giocano con coraggio enei primi minuti sprecano una buona situazione al 9', sugli sviluppidi un calcio di punizione, ma Minciacchi non è preciso di testa.L'Urbe prova a svegliarsi dal torpore e pochi istanti dopo costruisceuna clamorosa occasione per raddoppiare. Capparella sfondacentralmente e lancia in porta il solito Bartolotta, ma stavolta ilnumero dieci viene fermato da un grande intervento di Di Clemente.Poco dopo è Di Giovanni ad avere il pallone buono sul destro, ma ilsuo tiro viene smorzato dalla difesa. Che non sia la miglioregiornata dell'Urbetevere lo si intuisce intorno al 20', quando ancheCarolis sbaglia l'uscita e per poco non viene beffato da Pasquali chelo anticipa di testa, mandando a lato. Non accade praticamente piùnulla, se non un errore di Capparella, oggi ampiamente sotto i suoistandard, che spara da pochi passi addosso a Di Clemente. Poco male,almeno per quanto riguarda il risultato. L'Urbetevere vince ancora eresta a punteggio pieno. Per l'Aurelio una prestazione dalla qualeripartire per gettare le basi di una buona stagione.