Notizie
Categorie: Altri sport

Serie D - Il Fiumicino sa solo vincere: 3 su 3

La formazione di Buattini infila il terzo successo consecutivo in campionato, superando la Nuova Montello



VOLLEY FIUMICINO - NUOVA POLISPORTIVA MONTELLO 3-1 

FIUMICINO Allenatori: Valerio Buattini, Marco Miccheli ( secondo) Dirigenti : Alfonso D’Onofrio, Massimo Ragona Palleggiatori: Paris M.; Gatti A. Liberi: Bruno A.; Ragona B. Centrali: Pigini E.; Luciano F.; Moreschi G. Opposti: Crea M.; Rutigliano M. Banda: Angelucci A.; Passoni Y.; Maraviglia M.; Pizzini E. A disposizione: Alfonsi F. ; Solipaca E.


Dopo tre giornate di campionato la prima squadra del settore maschile viaggia a punteggio pieno al comando della classifica del campionato regionale di serie D. Nell’anticipo infrasettimanale di  Mercoledì 28/10 ha ospitato la Nuova Polisportiva Montello, ripescata nel girone A. Viste le precedenti prestazioni fornite, sulla carta, l’impegno non doveva essere dei più ostici, ma nonostante il 3 a 1 finale non è stato cosi. Il Fiumicino entra in campo con poca concentrazione prendendo sottogamba l’impegno. L’atteggiamento e una sequela di errori gratuiti regalano il primo set agli ospiti con il punteggio di 25-22. Quando le cose si complicano cosi, sbagliando l’approccio, e sempre difficile ritrovare il bandolo della matassa e rimettersi subito in partita. Coach Buattini chiede ai suoi maggiore continuità ed in tal senso sostituisce un poco lucido Rutigliano, con Matteo Crea. Il cambio sortisce gli effetti sperati, senza strafare e con umiltà i padroni di casa ritrovano continuità da posto due ed in generale su tutto il reparto di attacco. Si vedono le differenze di valore in campo ed il set si conclude con un nettissimo 25 a 11 per i padroni di casa. Ma come detto la testa oggi non c’è e il Fiumicino paga ancora un atteggiamento troppo superficiale. Gli avversari sono ben organizzati e spingono al massimo, mentre i ragazzi di casa non hanno ne il cinismo ne la cattiveria necessaria per imporre il loro gioco come fatto  nel secondo parziale. La difesa è il fondamentale che meglio rispecchia questo stato mentale cosi Volley Fiumicino in camponel campo dei giallo blu, cadono numerosi palloni, mentre il muro non riesce a trarre vantaggio dal fatto che l’avversario concentri il gioco esclusivamente sulle ali. Sale anche il nervosismo e si rivedono ancora troppi errori. Nell’altro campo invece cresce l’entusiasmo e non cade più una palla. Si lotta punto a punto e, dopo aver perso il primo set della stagione, il Fiumicino rischia seriamente di lasciare anche punti importanti al Montello. E’ ancora la ritrovata continuità e qualche buona giocata al centro a togliere le castagne dal fuoco ai padroni di casa che faticosamente portano a casa il parziale per 25-22. Si va al quarto set, la lezione sembra finalmente imparata, passato lo spavento e dopo aver rimesso in carreggiata una set particolarmente difficile dal punto di vista mentale, mantenendo finalmente la concentrazione necessaria, i Giallo -Blù non commettono altri passi falsi chiudono il set con un pesante 25-14. Complimenti al Montello per l’organizzazione e  la caparbietà dimostrata in campo che per fortuna del Fiumicino ha forse prodotto  meno di quanto avrebbe potuto per come stava girando la partita.   Dopo tre partite il Fiumicino è a punteggio pieno, questo fa ben sperare, sicuramente è indice del potenziale di questo gruppo e dell’ottimo lavoro che Coach Buattini sta portando avanti da luglio. Tuttavia le vere difficoltà di questo campionato devono emergere ancora: ci sono squadre costruite con la chiara ambizione di salire di categoria. La partita di oggi deve essere un campanello di allarme e far capire agli atleti giallo – blu che se la volontà e quella di competere per l’alta classifica devono avere un approccio decisamente diverso, per non correre il rischio di perdere punti preziosi ed avere rimpianti in seguito. I margini di crescita sono molti, ed è anche vero che oggi il Fiumicino è stato in grado di recuperare una situazione difficile, ma bisogna assolutamente restare con i piedi per terra e continuare a lavorare col la giusta umiltà e spirito di sacrificio, progredendo passo passo, come fatto  prima di questa partita.