Notizie
Categorie: Dilettanti - Eccellenza

Serpentara, pugno duro del Giudice Sportivo

Sono costate care al club le intemperanze dei propri sostenitori nel match con il Paterno: 3000 euro di ammenda e cinque turni a porte chiuse e in campo neutro



Image titleIl Giudice Sportivo ha usato il pugno duro con il Serpentara Bellegra Olevano dopo i fatti della gara di ritorno con il Paterno. Sono stati comminati, infatti, tremila euro di ammenda e ben cinque gare da giocare in campo neutro e a porte chiuse “Per aver propri sostenitori prima e durante lo svolgimento della gara: 

- fatto esplodere numerosi petardi di cui alcuni (8) nel settore loro riservato, uno nel terreno di gioco e due nel settore riservato alla tifoseria ospite 

- acceso nel proprio settore quattro fumogeni e lanciato nel recinto di gioco altri due fumogeni 

- lanciato nel recinto antistante il proprio settore diversi oggetti contundenti (bottiglie di vetro, lattine e aste) 

- forzato durante l’intervallo la rete di recinzione del proprio settore e dopo aver attraversato il terreno di gioco, lanciato una bomba carta all’interno del settore occupato dai sostenitori della squadra ospitata causando tra i medesimi, tra i quali donne e bambini, un clima di panico 

Sanzione così determinata in considerazione della estrema gravità dei fatti, sintomatici di assenza nei sostenitori della squadra ospite dei principi di cui all’art. 1 del Codice di Giustizia Sportiva, sia in considerazione della oggettiva idoneità dei fatti innanzi descritti a cagionare gravi danni alla incolumità fisica dei presenti”. 

1800 euro di ammenda e un turno a porte chiuse anche al Paterno per le intemperanze dei propri sostenitori. Per quanto riguarda il Monticelli, prossimo avversario del Serpentara, un turno di stop per recidiva in ammonizione ad Andrea Petrucci.