Notizie
Categorie: Giovanili - Juniores

Sfida play out al Pomezia: poker al Borgo Podgora

I rossoblu rifiliano quattro schiaffi tra le mura amiche ai pontini: boccata d'ossigeno per i ragazzi di Giurelli che riescono a tirarsi fuori dai quartieri bassi della classifica



11a Giornata
4 - 0

Il Pomezia in azioneMARCATORI 35’pt, 20’st Gagliardi, 23’st e 37’st Ferrara
POMEZIA Bergantino, Vallesi, Prasti, Pacchiarotti, Ranucci, Amoriello, Gagliardi, Pratelli,Cipolletta, Barbarisi, Violetto. PANCHINA Vitali, Marcomei, Cossu, Ferrara, Martinelli, Iosca, Prudente. ALLENAORE Giurelli. 
BORGO POGORA  Salvador, Mauriello, Chiarucci (10’st Iannucci), Bianconi, Ragazzo, Di Marco, Fiorentino (13’st Viscusi C.), Toto, Agostini, Laggiri, Bragazzi. PANCHINA Turrini, Caucci Molare, Marchiella,. ALLENATORE Mariano-Prisco. 
ARBITRO Francesca Capone di Cassino.  Ammoniti Fiorentino, Barbarisi, Pacchiarotti, Bianconi, Ragozzo. 

Il riscaldamento del Borgo Podgora ©borgopodgoracalcioL’undicesima giornata di campionato vede di fronte al comunale di Pomezia l’ennesima sfida tra due formazioni invischiate per evitare la lotteria dei play-out. L’unica differenza di classifica tra le due compagini è che il pometini hanno già incontrato il Ceccano fanalino di coda. La prima frazione di gioco vede i padroni di casa che hanno un leggero predominio territoriale, ma la prima occasione dell’incontro c’è l’ha il Podgora al 9’ con Bragazzi che a tu per tu con il portiere mette la palla fuori. Alla mezz’ora Gagliardi sbaglia un gol facile: a due passi dalla porta lasciata sguarnita dal portiere borghigiano tira la palla sul palo. Gagliardi si riscatta qualche minuto dopo al 35’, insaccando di testa su una punizione battuta da Barbarisi. La ripresa vede un Podgora più tonico, ma mai pericoloso, a parte una punizione di Mauriello calciata dal limite dell’area dove trova un attento Bergantino che para. Poi è un monologo del Pomezia, dove Barbarisi ha sfoderato una prestazione di rilievo, spadroneggiando a centrocampo, fornendo gli assist sia a Gagliardi sia al neo entrato Ferrara per il definitivo e rotondo 4 a 0. Finisce qui una gara che ha visto il solito Podgora, che lontano dalle mura amiche non riesce mai a fare una prestazione di rilievo,che ripete i soliti errori e non riesce mai ad entrare fino in fondo nello spirito giusto della partita.