Notizie
Categorie: Giovanili

Soddisfazione sia in casa orange che in quella granata per l'andamento del match

Centioni: "Sul 3-0 pensavamo di averla chiusa" Ottaviani:" Orgoglioso della nostra prestazione"



Al termine di una partita che è perfino riduttivo definire ricca di emozioni è il Futbolclub ad alzare al cielo la coppa del 33° Trofeo Città di Grottaferrata. Al termine della premiazione un soddisfatto mister Centioni commenta così il successo degli orange: “Sapevamo di avere qualcosa in più dal punto di vista tecnico, ma anche che questa superiorità poteva e

Centioni photosportroma.it

ssere appianata dal carattere e dall’agonismo dell’Aurelio Fiamme Azzurre.  Abbiamo avuto un grande approccio alla gara andando sul 3 - 0, ma poi abbiamo pensato che la gara fosse chiusa e loro sono stati bravi a riaprirla. Poi però i nostri valori tecnici sono emersi e nel secondo tempo abbiamo controllato con tranquillità”. Continua poi l’allenatore parlando del futuro: “Io e Sancricca resteremo alla guida della prima squadra. In questi due mesi abbiamo seguito il gruppo Juniores, a cui abbiamo aggiunti alcuni calciatori classe ’97, per valutarli sia dal punto di vista tecnico che morale e capire quali potranno essere protagonisti nel prossimo campionato di Eccellenza”. Un po’ deluso dal risultato, ma comunque molto soddisfatto della grande stagione dei suoi, mister Ottaviani che parla così nel post gara: “Sapevamo di giocare contro una squadra molto forte, ma il grande orgoglio dei miei ragazzi ha fatto si che questa differenza fosse minore. Dopo un brutto avvio siamo riusciti a recuperare dimostrando grande carattere, ma alla fine ha vinto la squadra più forte”. Il mister continua poi parlando della stagione appena conclusa e dei progetti futuri:Ottaviani photosportroma.it “Abbiamo vissuto un campionato esaltante conquistandoci i regionali. Nel prossimo anno rimarrò alla guida della Juniores. Sicuramente perderemo qualche giocatore ma abbiamo l’intenzione di costruire una rosa importante per provare il doppio salto, portando l’Aurelio a disputare l’Elite”.