Notizie
Categorie: Dilettanti - Serie D

Super Caldaroni regala il successo all'Isola Liri. San Cesareo ko ai calci di rigore

L'undici di Ciardi per due volte in vantaggio e raggiunto dai locali. Nella sfida dagli undici metri si scatena il portiere biancorosso che neutralizza tre penalty su quattro



Gioia Isola Liri, avanti in CoppaMARCATORI 20' pt Carlini (I), 9' st Merlonghi (S), 19'st Caira (I), 38'st Forti (S) 

SAN CESAREO Matera 5.5, Forti 6.5, Lupieri 5.5 (21'st Fischetti 6), Luciani 6,Tarantino 5.5 (42'st Stazi sv), Brack 5, Merlonghi 6.5, Tirelli 6.5, Sorrentino 6, Gissi 5.5, Pascu 6 (15'st Tagliaboschi 6) PANCHINA Ulissi, Menicucci, De Santis, Maione, Sabelli, Mastrantonio ALLENATORE Perrotti 

ISOLA LIRI Caldaroni 7.5, Santangeli 6, Gentile 6.5, Manetta 6, Falco 6, Tofani 6, Capolei 6, Oluwalogeon 5.5 (36'st Cirelli E.sv), Caira 6.5 (42'st Basilico sv), Valentino 6.5 (3'st Cirelli M. 6), Carlini 6.5 PANCHINA Saccucci, Fabiani, Bianchi, Zeppa, Fumini, Mastrosanti ALLENATORE Ciardi 

NOTE Fuorigioco 4-2 Angoli 4-2 Ammoniti Tofani (I), Brack (S), Sorrentino (S), Manetta (I) Rec. 2' pt - 5'st Sequenza rigori Merlonghi (S) gol, Carlini (I) gol, Tirelli (S) parato, Manetta (I) gol, Brack (S) parato, Falco (I) gol, Luciani (S) parato 

Può sorridere Ciardi, nonostante la sua squadra riesca ad imporsi solamente ai rigori grazie al suo numero uno Caldaroni, che risolve la sfida dopo il 2-2 con cui si erano chiusi i 90'. Il portiere biancorosso neutralizza tre dei quattro penalty battuti dal San Cesareo e permette ai suoi di passare il turno. Ciardi può sorridere non solo per il risultato, ma anche perché da questa sfida si evince che la sua Isola Liri sta meglio degli avversari, e ai punti avrebbe meritato di vincere. Capace di creare pensieri alla difesa locale con buone manovre, a differenza di quanto riescano a fare i padroni di casa, che si vedono quasi unicamente sui calci piazzati. Qualche elemento in ritardo di condizione e le assenze sono un piccolo alibi per Perrotti (Delvecchio lá davanti avrebbe fatto comodo).  

Si parte I ritmi non sono alti al Pera, ma le occasioni non tardano ad arrivare. Al 2' Carlini rientra sul sinistro e libera il tiro potente ma centrale, Matera ci mette i pugni, sulla sfera si avventa Valentino che prova il tap in di prima, ancora Matera respinge ma il numero dieci era in posizione di fuorigioco. Al quarto d'ora è ancora Carlini a provarci, stavolta su punizione dai venti metri: sinistro forte a girare sopra la barriera, Matera respinge sui piedi di Falco che tenta al volo, ma da ottima posizione non inquadra lo specchio della porta. Neanche sessanta secondi dopo pasticcio di Oluwalogeon che sbaglia il controllo a centrocampo e perde palla favorendo la ripartenza di Pascu; il numero undici salta due uomini e si porta al limite dell'area dove viene steso da Tofani.Punizione dal vertice sinistro dell'area di cui si incarica Tirelli, il suo mancino tagliato si abbassa ma Caldaroni si stende e respinge la minaccia. Ancora ospiti pericolosi al 18' su corner: lo spiovente di Capolei trova i pugni di Matera, sulla respinta il più lesto è Carlini, il suo sinistro strozzato però si perde a lato. Il capitano biancorosso si rifà due minuti più tardi quando Valentino viene atterrato in area da Brack, per il direttore di gara è calcio di rigore. Sul dischetto il numero undici non perdona portando l'Isola Liri in vantaggio. I rossoblu di Perrotti faticano a rialzarsi dopo il colpo di Carlini, e si rivedono in avanti al 28' con un ottimo schema a quattro su punizione che porta al tiro di potenza ancora di Tirelli, Caldaroni si salva in tuffo. I padroni di casa provano a sfruttare i calci piazzati: al 45' dalla stessa posizione Merlonghi prova ad aggirare la barriera con il destro, la sfera si perde a lato non di molto con Caldaroni che si limita a controllare la traiettoria. 

Il risveglio Il San Cesareo cambia atteggiamento sin dalle prime battute della ripresa e al 9' trova il gol del pari con una splendida conclusione di Merlonghi: Sorrentino scarica al limite per l'esterno che alza la testa e con il destro piazza la sfera sul palo lontano, Caldaroni può solo guardare ilpallone finire in fondo al sacco. L'Isola Liri si riorganizza e 10' più tardi si riporta avanti grazie a Caira che si avventa sul tiro sporco di un compagno e in area di rigore anticipa Matera con la punta del piede, firmando il sorpasso biancorosso. L'undici di Cardi fa quadrato e blocca ogni sortita dei locali che si vedono soprattutto sui calci piazzati senza però pungere, fino al 38' quando il sinistro su calcio d'angolo di Tirelli trova l'incornata vincente di Forti abile a piazzare alle spalle del portiere per il nuovo pareggio. Gli ospiti provano ad affondare con Cirelli M. che conclude con la punta dopo l'incursione di Gentile, ma la sfera finisce sopra la traversa senza brividi per il numero di casa. Replica rossoblu con il sinistro di Fischetti che non ha miglior sorte. Si chiudono così sul 2-2 i tempi regolamentari.  

Super Caldaroni La qualificazione quindi si decide dagli undici metri, con l'Isola Liri che può contare su un Caldaroni in stato di grazia, capace di sventare tre dei quattro rigori battuti dai padroni di casa come si diceva in apertura. Dopo i gol iniziali di Merlonghi e Carlini, il portiere biancorosso ipnotizza Tirelli, Brack e Luciani. Per gli ospiti decisive le reti di Manetta e Falco. L'Isola Liri festeggia con i suoi tifosi giunti al Pera, Ciardi può sorridere.