Notizie
Categorie: Dilettanti - Promozione

Top 11: ecco i migliori al giro di boa in Promozione

Abbiamo selezionato e schierato una formazione composta dai calciatori che si sono messi in luce in queste prime 17 gare



Con il girone d'andata in archivio, per le società è tempo di fare i primi bilanci. “I nostri atleti stanno rispettando le aspettative?”, “quante chance abbiamo di raggiungere i playoff?”, “la quota salvezza quest'anno a quanti punti è?”, le domande che bene o male frullano nelle teste di allenatori, dirigenti e presidenti ogni anno al giro di boa. Noi che facciamo parte della platea, ma che siamo a tutti gli effetti “addetti ai lavori”, viviamo di domande e di bilanci ne tracciamo settimanalmente, anzi, quotidianamente. A metà campionato ci siamo guardati in faccia, facendoci questa domanda: tra più di 1300 calciatori delle 72 squadre che compongono i 4 gironi, perché non provare a selezionare 11 elementi che secondo noi hanno giocato una prima parte di stagione da campioni? La risposta: mah sì, facciamo questo gioco!

La Top 11 Il nostro gioco, fatta eccezione per quella dei tre under, non ha regole. Solo un paio di doverose osservazioni. Questa è la nostra formazione migliore, non l'elenco dei giocatori “più forti” del campionato. E da qui scaturisce una seconda considerazione, ovvero che siamo stati costretti a tenere fuori dallo scacchiere tanti, forse troppi calciatori meritevoli di un posto da titolare. Ma capirete che 4, 72, 1300... sono numeri fuori dalla portata di un rettangolo di gioco regolamentare Ad impartire istruzioni dalla panchina ai nostri magnifici undici ci sarà un “top” allenatore, anch'egli scelto da noi. Il modulo, un 4-4-2 all'italiana con gli esterni di centrocampo un tantino offensivi, per usare un eufemismo. Il pubblico, i nostri preziosi lettori, di cui saremo lieti di ascoltare pareri ed eventuali critiche. Ecco la nostra squadra clicca sull'immagine per visualizzare la formazione

Image title



Verdini, Lepanto (foto ©Del Gobbo)

Difesa Tra i pali la nostra scelta ricade su Massimiliano Maraolo, portiere classe '98, in forza al Formia capolista nel girone D. Maraolo, oltre ad essere uno degli estremi difensori meno perforati del campionato, negli ultimi giorni si è tolto altre due belle soddisfazioni: il titolo di Campione d'Inverno con il team biancoceleste e la convocazione del CT Mauro Bencivenga per il raduno della Rappresentativa Juniores del Lazio. Niente male per un ragazzo così giovane. A fargli da schermo, una linea a quattro composta da Andrea DiVetta, Valerio Verdini, Roberto Lelli e Andrea Politanò. Il terzino del Guardia di Finanza aveva iniziato la stagione con la maglia del Palocco, prima di passare alla corte di Gian Luca Berruti nel mercato di dicembre: una scelta di vita quella del nostro secondo under ('97) le cui sgroppate sulla fascia destra fanno parlare di sé da più di un anno, tanto da aver attirato le attenzioni di un elite di squadre anche in categorie superiori. Passando ai centrali, il primo è uno dei punti di forza della Lepanto Marino, capolista del girone B. Verdini è arrivato alla corte di mister Leone dopo un periodo non semplice, ma lavorando con grande abnegazione è tornato ad essere uno dei difensori più affidabili della categoria, come ai tempi del Santa Maria delle Mole. Il secondo è invece tra gli artefici del miracolo Aranova, e fa del senso della posizione e della duttilità (nasce come terzino) i suoi punti di forza. Sulla sinistra troviamo il difensore goleador di Promozione: 5 i gol realizzati in questa prima parte di stagione dall'esterno basso del Real Monterotondo Scalo, che sa far valere le sue doti aeree anche nell'area avversaria e sa farsi apprezzare per la puntualità dei tackle.

Centrocampo In mediana, la coppia formata da Jody Fiorentini e Lorenzo De Gennaro assicura quantità e qualità a palate. L'esperto mediano della Valle del Tevere sa fare tutto: spezza, inventa, corre, lancia e dribbla, qualità messe Vittorini, Ronciglione (foto ©Caprino)ampiamente in mostra nel corso di questi 4 mesi di campionato. Al suo fianco il gioiellino classe '95 in forza alla Lepanto Marino, un giocatore che, nonostante la giovane età, si è già tolto lo sfizio di vincere il campionato e la Coppa Italia d’Eccellenza con la maglia dell’Albalonga. Un centrocampista che ha qualità, tempi di inserimento e che si fa spesso trovare pronto anche in fase di interdizione. Sugli esterni Andrea Ricci e Manuel Vittorini, due giocatori dal potenziale tecnico devastante che stanno facendo le fortune di Unipomezia e Ronciglione United. Il primo si è ormai affermato come uno dei migliori esterni di fascia nel panorama del calcio laziale: veloce, tecnico ed intelligente tatticamente, non è un caso che ogni anno si ritrovi ad occupare un posto da titolare nelle migliori squadre del campionato. L’ex Civitavecchia, anch'egli giocatore di categoria superiore, non ha bisogno di presentazioni: con 13 gol è il miglior marcatore della sua squadra e le ambizioni d'alta classifica del Ronciglione passano soprattutto dalle sue prestazioni.

Attacco In avanti spazio al capocannoniere del torneo Andrea Elisei e al bomber venuto dall'Eccellenza, ErikLaghigna, Unipomezia (foto ©Lori) Laghigna. Elisei ha corsa, tiro e fiuto del gol, ed è la punta di diamante della Compagnia Portuale schiacciasassi nel girone A. Con Luigi Ruggiero e Stefano Loiseaux forma uno dei reparti avanzati più forti del panorama dilettantistico regionale e i 15 gol messi a segno fino ad ora sono un bottino destinato ad aumentare. Per quanto riguarda il centravanti dell'Unipomezia sono i numeri a parlare. L’ex Pomezia ha disputato appena sei partite agli ordini di mister Mancini, andando in gol ben sette volte. Un attaccante giovane che però è già considerato tra i top player nel mondo del calcio dilettante. Potente, veloce e spietato sotto porta, Erik Laghigna non poteva non essere il numero 9 della nostra Top 11.

Allenatore Scegliere una persona a cui affidare questo super team non è stato facile, ma alla fine abbiamo deciso di puntare su un tecnico che nel girone d’andata ha stupito tutti con il suo lavoro. Parliamo di Andrea Bussone, mister del Team Nuova Florida, autentica rivelazione del girone C. La squadra biancorossa è composta da molti giocatori di livello, ma Bussone, Nuova Floridaè la compattezza del gruppo che sta facendo la differenza. Questo è sicuramente merito dell’ex Tormarancio che è riuscito a creare un ambiente perfetto, in cui ciascun giocatore pensa prima al bene collettivo e poi, forse, a quello personale.