Notizie

Tor Sapienza, filo diretto tra il Campidoglio e i comitati di quartiere

Avviato un percorso partecipativo per un progetto pilota, che possa rilanciare l'urbanistica della zona. L'assessore Caudo: "Trasformare via Giorgio De Chirico in un boulevard urbano"



Image titleL'incontro in Campidoglio dell'assessore alla Trasformazione urbana, Giovanni Caudo, con i comitati di Tor Sapienza si è concluso con l'impegno da parte dell’Amministrazione ad avviare un tavolo di ascolto e confronto con la cittadinanza. Alla riunione hanno partecipato anche il vicesindaco, Luigi Nieri, e il presidente del Municipio, Giammarco Palmieri. “Quello di Tor Sapienza – ha spiegato l'assessore Caudo - è un progetto pilota per affrontare il tema della rigenerazione urbana di Roma nella città pubblica, nei grandi quartieri di edilizia pubblica. A Tor Sapienza c'è uno stradone largo 60 metri e lungo circa 1,5 km, via Giorgio De Chirico, che faceva parte di un progetto di tangenziale che non è mai stato realizzato. È rimasto solo questo pezzo di autostrada in città che noi vogliamo trasformare in un boulevard urbano. Se si portasse a 35 metri di larghezza la strada si recupererebbero 3 ettari da utilizzare per dare un nuovo carattere a tutta la zona: una via con marciapiedi, dove passeggiare, con servizi, con la ciclabile e il verde pubblico - come chiedono i comitati - per ricucire la vivibilità di un quartiere il cui più grande problema è l'isolamento dei suoi cittadini, costretti a prender la macchina anche per le più piccole necessità".  L’Assessore, spiegando che il progetto è nato prima degli eventi che hanno sconvolto il quartiere, ha chiarito che il degrado si combatte anche con questi interventi, decisi insieme ai cittadini. Occorre - ha detto Caudo - definire “un nuovo rapporto pubblico-privato, attraendo fondi europei, con il Comune che metterà a disposizione il suolo".