Notizie
Categorie: Giovanili - Allievi

Tor Tre Teste, Buffa ritrova i suoi '99: "Fuori la grinta"

L'allenatore rossoblu è pronto ad iniziare una nuova stagione: "Ho allenato questi ragazzi per lungo tempo, vogliamo fare bene"



Damiano Buffa li ha visti crescere, nel vero senso della parola. Li ha allenati nella pre agonistica, poi nel biennio dei Giovanissimi e infine li ha ritrovati negli Allievi Elite. I ’99 della Tor Tre Teste, dopo la parentesi, e l’addio, di Alessandro Di Nunno, ritrovano il loro padrino. Obiettivo principale? Stupire e, se possibile, spezzare una maledizione che sembra perseguitare questo gruppo, che per il secondo anno consecutivo ha mancato il sogno del titolo regionale in finale. Sarà questo l’anno della rinascita della Tor Tre Teste di Damiano Buffa?  

Damiano BuffaMister, è partita ufficialmente la stagione 2015/2016 e lei guiderà il gruppo dei ’99. Un’ottima squadra, ma immagino non sia per niente facile prendere la pesante eredità di Alessandro Di Nunno.

“Alessandro è un amico e un ottimo allenatore, io lo ringrazio per il lavoro che ha fatto con questi ragazzi. Questo però è un gruppo che conosco molto bene, addirittura dalla pre agonistica, quindi la speranza è quella di far bene”.  

Dai Giovanissimi agli Allievi, da un campionato difficile ad uno ancora più complicato. Come si sente?
“Pronto. Se vuoi allenare alla Tor Tre Teste non devi aver paura di metterti a confronto con queste categorie. Io sono carico, è la prima volta che vivo da protagonista questo campionato e anche i ragazzi vogliono ottenere un buon risultato”.  

Prendere un gruppo che arriva da una delusione importante come quella dello scorso anno cosa comporta? Psicologicamente che squadra ha trovato?
“A me dispiace tantissimo perché questi ragazzi sono davvero sfortunati. E’ la seconda finale consecutiva che perdono all’ultimo minuto, sembra quasi una maledizione. Quest’anno dovranno tirare fuori tutta la cattiveria e cercare di spezzare questo trend”.  

Che tipo di gruppo le ha messo a disposizione la società? Sono andati nei prof Patriarca, Zomparelli, Tataranno.  Giocatori che le avrebbero fatto comodo…
“Sì, probabilmente partiranno anche altri giocatori, ma questo non può che farci piacere. Il nostro compito è proprio quello di preparare, formare, giocatori per il professionismo. Queste partenze non possono che renderci felici”.  

Per quanto riguarda il campionato cosa si aspetta? I ‘99 dell’Ostiamare lo scorso anno si sono laureati campioni regionali. Secondo lei sono ancora loro la compagine da battere?
“Sinceramente non lo so. A differenza degli altri anni è molto difficile trovare una vera e propria favorita, poiché i giocatori si sono sparsi tra le prof della nostra regione. Secondo me sarà un campionato molto equilibrato: come si dice in questi casi, chi vivrà vedrà!”.