Notizie
Categorie: Giovanili - Juniores

Tor Tre Teste: la qualità non è (più) abbastanza...

E' ormai da certificare come falsa la partenza dei rossoblu: la ripresa sarà solo questione di tempo o c'è qualcos'altro?



C'è un malato nel girone B. Fin quanto sia grave la sua situazione è ancora presto e dunque manteniamo la prognosi Tor Tre Teste (foto d'archivio)riservata. Fatto sta che c'è qualcosa che non va nella Tor Tre Teste. L'inizio di stagione del club di via Candiani se non è stato da incubo, poco ci manca. Soli 3 punti, conquistati per altro contro una neo promossa e soffrendo, e due ko interni contro Dilettanti Falasche, crollata poi sotto 9 gol nelle due gare successive. E nel frattempo le candidate forti si allontanano, una in particolare, la Vigor Perconti che, gioco del destino, ha affrontato proprio i biancoverdi e la formazione pometina, dopo aver travolto il Gaeta all'inizio. C'è ancora una stagione da giocare, vero, ma i punti di ritardo dalla zona finali sono già 4 e dal primato addirittura 6. Ciò significa che da qui in avanti il margine di manovra con errore per la formazione di Tocci non sarà così ampio. Sabato contro l'Almas (4) bisognerà dare una scossa. Il punto che fa saltare il banco sul giudizio in merito ai rossoblu è la qualità con cui è costruita la rosa a disposizione dell'ex Arezzo, con giocatori, con gli ovvi limiti di una carriera appena accennata, chehanno già esperienza in tema di lotta per il titolo. Ci sono reduci dallo storico triplete, ci sono ragazzi che nello scorso campionato Allievi hanno impressionato e stravinto, mancando solamente l'alloro regionale. Ci sono, infine, ragazzi attenzionati spesso e volentieri da formazioni professionistiche. Quindi, se la qualità c'è, cosa manca alla Tor Tre Teste. Lo stesso Tocci ci aveva confidato di avere, come vale ogni anno e per tutte le formazioni di via Candiani, una rosa "tutto sommato competitiva" anche se “Devo dire che siamo un po’ corti in difesa. Probabilmente prenderei un centrale.” (clicca qui per l'intervista completa) Ed i 7 gol incassati nelle prime tre uscite stagionali testimoniano forse questa difficoltà, quantomeno nel tenere botta e non nel singolo reparto. E dire che tra i pali c'è un giocatore come Paglici, da anni tra i più quotati nel ruolo. Quel che manca alla Tor Tre Teste è quindi da ricercarsi sotto l'aspetto di una mentalità smarrita che, giocando spesso con avversari di età più grande (i rossoblu non possono schierare fuori Pro Calcio (foto ©DelGobbo)quota ndr) fa la differenza insieme alla qualità del singolo. Giocatori come Caprioli, Michettoni, Arcano, Montaldi e De Dominicis sono capaci di fare la differenza. Serve quindi trovare una quadratura del cerchio al più presto se non si vuole, nell'ordine, dover rincorrere troppo, perdere un piazzamento importante. 


L'altra faccia della medaglia Per una Tor Tre Teste che va oggettivamente male, c'è una Pro Calcio Tor Sapienza che, al contrario, va oggettivamente bene. La formazione di Masi si portava dietro qualche incognita sulla sua natura. Passo dopo passo sta dimostrando di essere una formazione di valore. Vincere al Candiani, con tutti gli annessi e connessi del caso di cui sopra, non è comunque impresa facile. Mai. Adesso De Angelis e compagni si trovano lassù insieme alla Vigor Perconti e chissà che non sia l'inizio di una nuova storia. Di un duello inedito che a bocce ferme avevamo mal valutato. Duello che proprio sabato prossimo ci darà un'indicazione in più visto che al Castelli ci sarà il faccia a faccia tra i rossoblu ed i campioni d'Italia.