Notizie

Tornano insieme gli Arazzi Medicei

I venti manufatti fiamminghi, voluti da Cosimo I, saranno finalmente esposti al pubblico tutti assieme dal prossimo gennaio, al Quirinale.



Giuseppe fugge dalla moglie di Putifarre (fonte corriere.it)Sono tra le primizie del Rinascimento italiano, che tutto il mondo ci invidia: concepiti per stare insieme, torneranno presto ad esserlo, dopo circa centocinquant'anni di separazione. Stiamo parlando dei magnifici venti Arazzi medicei che, dal prossimo mese di gennaio, saranno in mostra a Roma, tutti assieme. E sarà la prima “reunion”: nati infatti a partire dall’anno 1545 grazie ad una commissione ben precisa di quel motore propulsore delle Arti quale fu Cosimo I de Medici, vennero dapprima disegnati da Pontormo e Bronzino per poi essere tradotti su tessuto dai maestri d’Arte fiamminga calati in Toscana apposta dalle Finadre: Jan Rost e Nicolas Karcher. Insomma, un vero e proprio team internazionale dell’Arte di quei tempi, che rivestì il Salone de' Dugento in Palazzo Vecchio a Firenze  - restaurato di recente - con narrazioni della vita di Giuseppe l’ebreo,venduto dai fratelli, finito in schiavitù in Egitto ed infine diventato vice-re grazie alle proprie doti, perdonando inoltre i fratelli all’indomani del loro trasferimento in Egitto a causa di una grave carestia. Oltre tutto, pur raccontando tutto questo attraverso la raffinatezza degli arazzi, l’opera finì per celebrare indirettamente la potenza politica di Cosimo de Medici – il quale vedeva nella figura biblica di Giuseppe molte analogie con sé stesso - oltre che il suo mecenatismo artistico. In tale collocazione, gli arazzi medicei finirono per attraversare indisturbati i tre secoli successivi fin quando, nel 1886, conclusa l'unità politica della penisola, Casa Savoia ne ordinò la separazione e così essi presero strade diverse: dieci rimasero a Palazzo Vecchio, mentre altri dieci finirono a Roma, ad adornare quel Palazzo del Quirinale che, circa quindici anni prima, era divenuto la Reggia dei sovrani sabaudi a seguito della presa di Roma. Al fine di poterli ammirare nuovamente nella loro conformazione basica, si è proceduto dapprima con un restauro, voluto dal main sponsor Gucci e finanziato attraverso gli introiti del Gucci Museo, ed a cui hanno partecipato anche Poste Italiane, la Cassa di Risparmio di Firenze e la Fondazione Bracco, già nota quest’ultima per aver finanziato il restauro della Galleria di Alessandro VII al Quirinale, nel 2011. Dunque Roma, e più propriamente la Sala dei Corazzieri del Quirinale come prima, splendida location di questo ricongiungimento.. ma sarà solo la prima di tre tappe: dopo la Città eterna, i venti arazzi verranno spostati presso il Palazzo Reale di Milano, dove resteranno dall’aprile al settembre 2015, in occasione dell’Expo, per poi chiudere naturalmente il ciclo presso il Salone de' Dugento del Palazzo Vecchio di Firenze tra il settembre ed il gennaio 2016. Ce ne sarà di tempo, quindi, per mostrare una nuova e ritrovata meraviglia italiana agli occhi incantati del mondo.