Notizie

Torneo Serilli: la Roma c'è! Superato il Perugia per 3-2, accede in semifinale

I giallorossi prima vanno sotto, poi reagiscono: Silipo e due volte Riccardi. La doppietta di Ranocchia accorcia le distanze ma non risveglia gli umbri



ROMA– PERUGIA 3-2 

MARCATORI 14'pt, 24'st Ranocchia (P), 21'pt, 4'st Riccardi (R), 32'pt Silipo (R) 

ROMA Giuliani (23'st Mannella), Carruolo (1'st Renzoni), Coccia, Santese, Chierico (11'st Proietto), Petroni (1'st Simonetti), Silipo (11'stCiotti), Cataldi, Barbarossa, Riccardi, Marini (1'st Cangiano - 19'st Laurenzi) ALLENATORE D'Andrea 

PERUGIA Guerri (10'st Miccio), Maramigi, Pippi (29'st Ortiz), Petricci (23'st Polidoro), Di Franco (10'st Materazzi), Lentini, Di Muni (10'st Mancini), Venturi, Ranocchia, Mezzasoma, Miccichè (1'st Fausti) PANCHINA Codini ALLENATORE Penchini

ARBITRO Mainella di Roma 1 

NOTE Ammoniti Renzoni, Laurenzi (R), Lentini (P) Angoli 2-0 Fuorigioco 2-1 Rec. 1'pt, 4'st 

Roma in semifinale © photosportroma.itPartita piacevole e divertente tra Roma e Perugia nel secondo turno del Torneo Elio Serilli. Gli umbri sorprendono nella prima frazione i capitolini, che con una veemente reazione ribaltano il risultato segnando tre reti. Poi il rigore al 24' della ripresa che riaccende le speranze biancorosse, ma D'Andrea e i suoi tengono bene e portano a casa i tre punti senza troppi patemi. Con questo secondo successo la Roma si qualifica con un turno di anticipo per le semifinali di domenica, con la certezza del primo posto, godendo del vantaggio nello scontro diretto contro l'Ischia (unica squadra che potrebbe raggiungerla).

Roma che parte fortissimo e in 5' crea due nitide occasioni da gol. Prima Barbarossa incorna a centro area su punizione, con la sfera che esce di un soffio. Poi lo stesso numero nove raccoglie in area una conclusione di Riccardi deviata da un difensore e calcia, ma è Lentini ad opporsi sulla linea di porta. Barbarossa dimostra di essere in giornata: al 13' vince un contrasto sulla trequarti avversaria e se ne va a tu per tu con il portiere, il suo mancino incrociato lambisce il palo e si spegne sul fondo. 1' dopo l'inaspettato vantaggio perugino, che porta la firma di Ranocchia, abile nel prendere palla al limite dell'area e scagliare il sinistro sul palo più lontano: Giuliani non ci arriva ed è 0-1. I giallorossi però non si scoraggiano affatto. Bastano 7' infatti per assistere al gol del pareggio; splendida incursione per vie centrali di Chierico che poi assiste Riccardi poco fuori area, il numero dieci si sistema la sfera e lascia partire un sinistro potente e chirurgico, che bacia la parte interno del palo e gonfia la rete. Pronta la replica del Perugia con Di Muni che ci prova dal limite, la sfera sorvola di poco la porta. La Roma torna a insistere. Al 26'punizione dal limite di cui si incarica Silipo, ma il suo destro agiro sul secondo palo non scende abbastanza. Al 32' D'Andrea e i suoi passano: splendida azione rifinita da Cataldi e finalizzata daSilipo, che tutto solo davanti al portiere con grande calma apre il piattone sinistro e buca Guerri.

La seconda parte di gara si apre con il tris della Roma al 4': Cangiano cambia passo in area di rigore e viene atterato da Lentini. Sul dischetto si presenta Riccardi che si lascia ipnotizzare, ma sulla respinta, a porta completamente sguarnita, non può certo sbagliare. I giallorossi non si fermano e una manciata di secondi più tardi si rivede vicino al gol Barbarossa, bravo in uscita Guerri a chiudergli lo specchio. Al quarto d'ora punizione ad aggirare la barriera sul primo palo di Cangiano, la palla scende ma Miccio si fa trovare subito pronto. Barbarossa continua a cercare la rete con insistenza; al 18' fa a sportellate con la retroguardia perugina e davanti a Miccio opta per la potenza, il numero dodici si oppone in tuffo prima, poi blocca la sfera poco prima che varchi la linea di porta. L'undici di Penchini assesta un colpo con il tiro dalla distanza di Mezzasoma, Giuliani si limita a controllare la traiettoria finire in out. Ancora Roma con Riccardi che salta due uomini e scarica il destro, Miccio dice ancora no con un ottimo intervento. Sul ribaltamento di fronte Ranocchia subisce l'entrata scomposto di Laurenzi in area e per il direttore Mainella è calcio di rigore. Sul dischetto lo stesso Ranocchia riapre le danze. La scossa per gli umbri però non arriva, perché la Roma tiene bene il campo e poco prima del triplice fischio è l'ultima a provarci con la conclusione dal limite di Proietto che esce davvero di un nulla. I giallorossi sono in semifinale, il Perugia invece è obbligato a vincere la sfida contro l'Ischia Isolaverde per qualificarsi.