Notizie
Categorie: Dilettanti - Eccellenza

Troppa Albalonga per il Podgora: Al Pio XII, finisce 5-0 con tripletta di Gamboni

Cristiano Gagliarducci festeggia la prima vittoria sulla panchina castellana



ALBALONGA – BORGO PODGORA 4-0 

MARCATORI Forcina 7’st, Micaloni 24’st, Gamboni 30’st rig, 35’st e 44'st rig 
ALBALONGA Leacche 6, Micaloni 7, Puleio 6.5 (33’st Pitzianti 6), Amico 6.5, Pucci 6 (1’st Giovinazzo 6), Mancini 6, Gamboni 7, Magnano 6.5, Forcina 6.5 (10’st Lo Schiavo 6.5), Cannillo 6, De Gennaro 6 PANCHINA Borrelli, Foresi, Salzano, Sandroni ALLENATORE Gagliarducci (squalificato)
BORGO PODGORA Viscusi 5.5, Dadu Rares 5.5, Lizzio 5.5, Lauteri 6, Persia 6 (37’st Palluotto sv), Toto 5.5, Cifra 5.5, Soumah 5, Di Fazio 5.5 (30’st Laggiri), Sangermano 6, Porcelli 5.5 (18’st Barbazza 5.5) PANCHINA Di Mario, Schiavon, Alessandro, Bocelli, Gucciardi ALLENATORE Luceri
ARBITRO Capone di Cassino, 6.5
ASSISTENTI De Vellis e Paolucci di Frosinone
NOTE Ammoniti Forcina, Soumah Rec. 1’pt -  2'st

Pronti-via ©GAZZETTAREGIONALETutto secondo programma al Pio XII di Albano dove l’Albalonga stacca il pass  per gli ottavi di finale di Coppa Italia contro il Borgo Podgora e mister Cristiano Gagliarducci festeggia la sua prima vittoria sulla panchina castellana grazie al 5-0 maturato sul terreno di gioco. Niente miracolo quindi per i ragazzi di Luceri. Il passivo dell’andata (0-4) ha condizionato tutta la partita, ma in quanto ad impegno la squadra ospite ha risposto presente, specialmente nel primo tempo.   

Dopo il fischio iniziale della sig.ra Capone di Cassino comincia la gara e l’Albalonga potrebbe subito portarsi in vantaggio con Forcina che stoppa in area in completa solitudine, ma calibra male il tiro che finisce alto sopra la traversa. I castellani cercano subito di chiudere la pratica: due minuti dopo, buona discesa di Gamboni dalla sinistra, cross arretrato verso De Gennaro che conclude alle stelle. La risposta degli ospiti arriva circa al 20’: Sangermano prova da fuori, la sfera rimbalza proprio davanti a Leacche che con un brivido riesce a deviare. L’occasione più clamorosa della partita arriverà a cinque minuti dalla pausa e sarà sfortunatissimo Puccio, che a seguito di un calcio di punizione fa partire un siluro a incrociare con ildestro ma la sfera colpisce l’interno del palo senza però varcare la linea della porta.

Il gol dei padroni di casa è rimandato alla seconda frazione: al 7’, infatti, dopo una buona punizione di Gamboni, Forcina arriva prima di tutti e in allungo insacca in rete l’1-0. Nell’occasione però il numero nove subirà un infortunio e sarà costretto ad abbandonare il terreno di gioco per far posto a Lo Schiavo. Insomma, adesso si gioca per la gloria. I ragazzi del neoallenatore Cristiano Gagliarducci amministrano il gioco, pungendo di tanto intanto e trovando anche il raddoppio al 24’: cross teso dalla destra di Lo Schiavo, al centro Micaloni arriva puntuale all’appuntamento e il tap-in è dei più facili. Due a zero. Ora la partita è in discesa e il punto esclamativo porta la firma di Tommaso Gamboni che alla mezz’ora trasforma un calcio di rigore che lui stesso si era guadagnato. Il talento castellano non è ancora sazio e al 34’insacca prima la sua doppietta personale con un potente destro a porta praticamente sguarnita e poi, al 44', si guadagnerà il diritto di portarsi il pallone a casa, trasformando un nuovo calcio di rigore che significa tripletta e 5-0.