Notizie
Categorie: Giovanili - Giovanissimi

Troppa Urbetevere per la Vis Aurelia: tripletta per Bartolotta

La formazione di Lillo travolge i biancoblu con sei gol e accorcia le distanze sulla capolista Savio, sconfitta ad Ostia



9a Giornata - 16 nov 2014
6 - 0

MARCATORI Bartolotta 5' st, 22'st, 25'st, Mengoni 27'st, Cipriani 31'st, Chirilenco 36'st

URBETEVERE Colagrossi 6, Monaldi 6 (1'st Tumminiello 6.5), Chirilenco 6.5, Mezzetti 6.5, Paola 6.5, Mengoni 7, Santarelli 6.5 (15'st Gravila 6.5), Campo 6 (10'st Ferretti 6.5), Di Giovanni 6 (1'st Cipriani 6), Bartolotta 7.5 (26'st Meloni 6), Zappalà 6.5 (23'st De Marchis 6) PANCHINA Carolis ALLENATORE Lillo

VIS AURELIA Antonelli 5.5, Conte 6 (12'st Marchesini 6), Picca 6 (2'st Milani 6), Blasi 6 (23'st Orsola 6), De Nisco 5.5, Salvatori 5.5, Zappa 6, Evangelisti 6, Migliorini F. 6 (21'st D'Onofrio 6), Castelli 6 (16'st Di Giusto 6), Mattioli 6 PANCHINA Migliorini R. ALLENATORE Di Renzo

ARBITRO Vannoni di Aprilia, 6.5

NOTE Ammoniti Mengoni Angoli 8-2 Fuorigioco 0-0 Rec. 0'pt, 2'st


UrbetevereL'Urbetevere si prende i tre punti contro la Vis Aurelia a via della Pisana, grazie a una grande ripresa e a un Bartolotta (tripletta per lui) in stato di grazia. Un successo importante che coincide con la prima non-vittoria della capolista Savio (ko 2-1 ad Ostia) e permette al gruppo di Lillo di accorciare le distanze e portarsi a un solo punto dalla vetta. La prima vera occasione da gol per i padroni di casa al 13' su corner: Bartolotta fa da sponda all'altezza del secondo palo, al centro c'è Santarelli che va a botta sicura, contrato, Antonelli blocca la sfera e sventa la minaccia. 17' ancora Urbe al tiro, stavolta è Zappalà a provarci con il destro dal limite, la potenza c'è, ma la sfera sorvola la traversa di poco. L'Urbetevere alza la pressione e si riaffaccia pericolosamente in avanti al 23' sugli sviluppi di un calcio d'angolo: dal limite Chirilenco controlla e scocca il destro, Antonelli è ben posizionato e blocca il tiro. Al 27' punizione dal limite per i gialloblu, se ne incarica Zappalà che lascia partire la conclusione rasoterra, sporcata dalla barriera, l'estremo difensore gialloblu si distende e si salva in corner. Allo scadere splendida ripartenza locale con Bartolotta che salta un paio di uomini e libera il destro dal limite, ancora Antonelli a dirgli no in tuffo.

Nella ripresa Lillo appesantisce la manovra offensiva con Cipriani, Mezzetti scala sull'esterno basso destro e a centrocampo si rivede Tumminiello. I frutti arrivano dopo 5' sulla punizione battuta dalla trequarti da Zappalà, la palla rimbalza in area e sbatte addosso a Bartolotta prima di carambolare in rete. Al 10' potrebbe arrivare anche il raddoppio: Bartolotta brucia la difesa biancoblu in velocità e a tu per tu con il portiere preferisce piazzare il piatto invece che servire il solissimo Zappalà, la sfera termina a lato di un soffio. La Vis Aurelia abbozza una reazione al 20' e va al tiro con Zappa, conclusione che si perde lontano dallo specchio della porta difesa da Colagrossi. Ma i biancoblu capitolano nuovamente al 22' quando Bartolotta si incarica di battere un calcio di punizione dal limite: esecuzione perfetta, con il destro a giro che supera la barriera e non lascia scampo a Antonelli. La Vis Aurelia subisce il colpo e al 25' subisce il terzo gol, sempre a firma Bartolotta che deposita facilmente in rete da due passi dopo una mischia in area su corner. L'Urbetevere non si ferma e dopo 2' arriva anche il poker. Dalla bandierina Ferretti scodella in mezzo, svetta Mengoni che di testa piazza la sfera all'angolino. Al 28' è Gravila a cercare la gioia personale, destro secco che Antonelli sventa in bello stile. Gli ospiti mollano completamente e al 31' c'è spazio per il quinto sigillo dei padroni di casa: sgroppata di Chirilenco sulla sinistra, cross al bacio per De Marchis che colpisce la traversa, appostato in area c'è Cipriani che deve solo spingere la sfera in porta. Al primo minuto di recupero il definitivo 6-0 grazie a una splendida punizione a giro con il mancino di Chirilenco che infila Antonelli sul primo palo.