Notizie
Categorie: Giovanili - Allievi

Turmalaj - gol! L'Atletico 2000 centra i tre punti

Gara spenta, decisa da una rete a 10' dallo scadere del primo tempo



9a Giornata - 16 nov 2014
1 - 0

MARCATORI 35’pt Turmalaj 

ATLETICO 2000 Santopadre, Provaroni, Tranquilli, Gualtieri, Macciocchi, Perri, Germoni (14’st Peroni), Savalano, Fresi, Turmalaj, Tribuzzi (33’st Ilardo) PANCHINA Sambucci, Ciambella, Larice, Codispoti, Piancatelli ALLENATORE Valerio 

FORTITUDO ROMA Filippo Tordella, Corazza (36’st Mancini), Tocci, Cantone (24’ Cosseddu), Di Giacomo, Gulino, Basoccu, Zara (39’st Silemo), Reggiani (33’st Martella), Silva, Zacconi (7’st Mascriani), PANCHINA Natalini, Gualandri ALLENATORE Basoccu 

ARBITRO Delli Colli di Roma 2 

NOTE Ammoniti Turmalaj, Fresi, Cantone, Di Giacomo, Mancini, Cosseddu 


Image titleUna partita di rara bruttezza quella disputata al Catena. Non me ne vogliano i giocatori, non è un giudizio sulle loro abilità, ma sul modo di (non) metterle in campo quest’oggi. Le due contendenti viaggiano discretamente in campionato, soprattutto l’Atletico, ma ogni match e una storia a sé. Questa in particolare è una storia senza infamia e senza gloria. Pochissime le occasioni da ambo i lati, tantissima la lotta al centrocampo che resta il vero protagonista della mattinata. Al 5’ uno dei rarissimi guizzi degli ospiti: Reggiani involato in area da un lancio lungo viene braccato dal difensore, ma sull’uscita di Santopadre è buona l’idea del rasoterra angolato, ma la sfera lambisce di poco il secondo palo. I locali sono un pizzico più incisivi nel possesso palla, il pressing è leggermente più efficace ma di occasioni nette non se ne vedono. Non a caso il risultato si sblocca solo al 35’, e proprio su calcio piazzato: Turmalaj da quasi 30 metri calcia una bomba da posizione centrale, la sfera in area s’impenna e scende proprio all’ultimo metro, quanto basta per insaccarsi sotto il primo incrocio dei pali, esecuzione perfetta che non lascia spazio di manovra all’incolpevole Filippo Tordella. Nella ripresa il primo brivido giunge solo al 18’: Tribuzzi dai 18 metri calcia forte sotto al sette, la risposta dell’estremo difensore ospite è però strepitosa, resta solo un corner per l’Atletico. Sempre Tribuzzi al 23’ riprova la conclusione da fuori area, ma una buona dose di sfortuna si abbatte sull’11 locale, e la traversa piena nega la gioia del raddoppio ai ragazzi di Valerio. Poco o nulla da segnalare fino al triplice fischio, quasi un sollievo rispetto a una gara assai inconcludente.