Notizie
Categorie: Calcio a 5

Turno amaro per la Metaltecno Ceprano Futsal

Le parole di mister Giorgi dopo la sconfitta per 4-2 maturata contro il Supino



Turno amaro nella penultima giornata del girone di andata della Serie D per la Metaltecno Ceprano Futsal che gioca un’ottima gara contro il Supino quarta forza del campionato ma finisce al tappeto, anche in maniera piuttosto sorprendente visto l’andamento del match, con il pallino del gioco che è restato sempre in mano ai gialloneri, il cui unico neo è stato, per l’ennesima volta in questa stagione, quello di non aver saputo concretizzare le tante occasioni create. Il Supino dal canto suo è stato abile a sfruttare al meglio le proprie di occasioni, portando a casa il successo per 4 – 2 in una gara importantissima, che frena purtroppo la rincorsa della squadra di Ceprano alle posizioni di vertice. Una battuta d’arresto che fa male e che sicuramente ha complicato i piani di rimonta della Metaltecno, anche se fortunatamente il campionato è ancora molto lungo, con il girone di andata che terminerà Sabato 16 gennaio, quando la Metaltecno affronterà il Camorano fra le mura amiche del Palasport cepranese. Mister Moreno Giorgi ha così commentato questa amara sconfitta nell’immediato dopo gara. 

Mister Giorgi

Mister, un passo indietro, o passo falso, contro il Supino rispetto a come ci eravamo lasciati prima della sosta… 

In termini di prestazioni non posso essere arrabbiato. Sono però certamente deluso dal risultato, come lo sono tutti i miei ragazzi. Questo comunque ci fa capire con maggiore forza che bisogna lavorare ancora molto per poter trovare la continuità necessaria per ambire ai primissimi posti, che è quella che manca oggi alla nostra squadra.


La Metaltecno si è presentata a Supino con le assenze forzate di Luciani, Spanu, Spigarelli e del capitano Viselli, quanto hanno influito sul risultato finale? 

Indubbiamente “regalare” quattro persone ad una squadra esperta e tenace come il Supino non ci ha agevolato. L’avevamo preparata in modo diverso durante la settimana, e poi all’ultimo momento abbiamo dovuto rinunciare anche a Spanu. Questo un po’ ci ha condizionati, però bisogna anche dire che nell’unico ruolo in cui forse eravamo un po’ corti, cioè quello del centrale, sia De Renzo, che Di Manna, uno dei migliori in campo, hanno fornito un’ottima prestazione, quindi alla fine non penso abbiano influito in maniera determinante sulla sconfitta. Certamente mi augurerei di avere sempre tutta la rosa a disposizione, ma devo anche dire che fin qui chiunque è stato chiamato in causa ha dato il suo contributo, quindi non possiamo giustificare una sconfitta con delle assenze, seppur importanti. 


La squadra sembra aver trovato un suo assetto, ma ancora fatica a trovare i risultati con continuità. 

Come ho già detto, la continuità nei risultati è l’unico aspetto che ancora manca a questa squadra. Un aspetto importante e sicuramente non di poco conto, ma che non deve minare la nostra serenità. Dobbiamo continuare a lavorare sodo e pensare ad una gara alla volta. Ora perciò dobbiamo chiudere al meglio il girone di andata contro il Camorano, poi dovremo necessariamente migliorare il nostro ruolino di marcia nel girone di ritorno, soprattutto in trasferta dove non abbiamo ancora fatto punti. Io resto convinto però, anche se è una frase che viene sdoganata un po’ troppo facilmente, che alla fine dei giochi il lavoro paga sempre. E noi dobbiamo credere in questo, dando tutto noi stessi. Solo così potremo raggiungere risultati importanti. 


Una partita importantissima dunque quella di sabato per la Metaltecno Ceprano che, come detto, affronterà alle ore 15.00 il Camorano. Una gara in cui serve tutto il sostegno possibile da parte dei tanti appassionati che in ogni gara casalinga riempiono il palasport. Una gara da vincere a tutti i costi. Per il morale, per la classifica, per un pronto riscatto.