Notizie

Tutto facile con il Crotone, la Roma torna a +4

La doppietta di Vestenicky e il rigore di Di Mariano mettono in ginocchio i calabresi. I giallorossi allungano di nuovo in classifica



13a Giornata
3 - 0

MARCATORI Vestenicky 15'pt e 37' pt, Di Mariano rig. 34' st

ROMA Marchegiani 6, Somma 6, Sammartino 6.5, Calabresi 6, Capradossi 6, D'Urso 6 (16' st Di Livio 6.5), Ferri 6.5 (40' st Ndoj sv), Pellegrini 6, Vestenicky 7 (40' st Calì sv), Adamo 6.5, Di Mariano 6 PANCHINA Pop, De Santis E., Belvisi, Paolelli, Soleri, Ricozzi, De Santis N. Taviani, Faiella ALLENATORE De Rossi

CROTONE Lewandowski 6, Assisi 5, Nicoletti 5, De Marco 5.5, Riggio 5.5, Serleti 5.5, Pupa 5.5 (30' st Drago 5.5), Cava  6, Otranto Godano 5.5 (42' st Moio sv), Tripicchio 5, Morabito 5 (23' st Spagnolo 5.5) PANCHINA Calandria, Napoli, Castorino, Moriggi ALLENATORE Tortora

ARBITRO Valiante di Nocera Inferiore 6 

ASSISTENTI Pagnotta di Nocera Inferiore; Abagnara di Nocera Inferiore

NOTE Ammoniti Nicoletti, Riggio Angoli 9 – 2 ; Rec. 0' pt – 3' st


Arturo Calabresi foto©photosportiva.itRitorna ad alzare i pugni al cielo la Roma di Alberto De Rossi grazie alla vittoria contro il Crotone, ultimo in classifica, nello scontro testacoda del girone C del Campionato Primavera. Dopo tre partite senza gioie -  i due pareggi in campionato contro Napoli e Vicenza e la batosta in Youth League contro il Manchester City – i giallorossi sconfiggono con ben poche difficoltà il Crotone, fermo a fondo graduatoria. Match soddisfacente per la Roma per quanto riguarda il risultato; decisamente noioso per lo sviluppo e per il pubblico in tribuna. Tra uno sbadiglio e l'altro sono arrivati i gol di Vestenicky (doppietta per lo slovacco) e di Di Mariano su rigore. Praticamente assente il Crotone, che ha provato ad imbastire qualcosa di interessante nei primi cinque minuti di gara salvo poi soccombere e non riuscire a reagire sotto il giro palla della formazione di casa. I ragazzi di Drago hanno tentato di sorprendere la Roma al quinto e al sesto, quando prima Otranto Godano e poi Cava hanno cercato di superare Marchegiani, non inquadrando, però, lo specchio della porta. La Roma capisce il possibile pericolo e si sveglia, mantenendo un ritmo comunque molto basso ma, per il fine di chiudere il Crotone nella propria metà campo, risultato efficace. Dopo un paio d'occasioni capitate sui piedi di Ferri, Vestenicky porta in vantaggio la Roma: Punizione dalla sinistra di Adamo, il pallone a rientrare è insidioso e basta la spizzata di testa del numero nove  per mandare fuori tempo Lewandowski. Uno a zero in favore dei padroni di casa e partita che si mette in discesa. Il Crotone abbozza una reazione ma non riesce, anzi non riuscirà più a mettere in difficoltà la coppia di centrali giallorossa, formata da Calabresi e Capradossi. Al trentasettesimo arriva anche il raddoppio della Roma, che porta ancora la firma di Vestenicky. Questa volta la sua girata, di nuovo con la testa, è splendida. Il centravanti riesce in torsione a dare una gran potenza al pallone e a metterlo sotto l'incrocio dei pali più vicino. Su questo risultato termina il primo tempo, con nessun minuto di recupero assegnato dal direttore di gara. Il secondo tempo inizia con gli stessi ventidue in campo e si svolge con un ritmo ancor più blando rispetto al primo. Il rallentamento del gioco è ovviamente funzionale alla Roma, che controlla senza alcun tipo di difficoltà ma anzi sfiorando di triplicare il vantaggio in almeno un paio di occasioni, una su tutte il colpo di testa di Somma, seguito in tribuna anche dal papà Mario, che sarebbe finito in rete se non ci fosse stato Cava sulla linea a spazzare via. E' solo il preludio al tre a zero finale: l'inserimento di Di Livio in area di rigore viene premiato con il calcio di rigore dopo una serpentina tra due avversari. Il signor Valiante, senza dubbi, concede il penalty. Sul dischetto si presenta Di Mariano che batte Lewandowski portando la Roma sopra di tre reti a zero. Con questo risultato i giallorossi salgono a quota 33 punti in classifica confermandosi campione d'inverno al giro di boa.