Notizie
Categorie: Altri sport

Ty Sterry dopo aver assistito alle final four per lo scudetto ha tratto ottime indicazioni

I segnali più importanti arrivano dai giovani, come accaduto durante il raduno di Vinci



Ty Sterry Ct dell'ItaliaIl campionato italiano 2014 organizzato dalla Federazione Italiana Rugby Football League (Firfl) ha espresso il suo verdetto. Anche in questa stagione, e per la quinta volta consecutiva, a trionfare sono stati i Gladiators Roma che, nella Final Four giocata sabato 12 e domenica 13 luglio allo stadio Fulvio Iacoboni di Rieti, hanno vinto la semifinale con gli Spartans Catania prima di trionfare nell’atto decisivo al cospetto degli emiliani del Rex Albinea. Un evento di grande spettacolo, come testimonia la presenza di tanti appassionati sulle tribune dell’impianto reatino, ma anche di elevato spessore tecnico. Una Final Four che ha permesso al commissario tecnico della Nazionale, Ty Sterry, di riempire un bel blocchetto di appunti utili in vista dei prossimi impegni della selezione azzurra. "Il livello delle gare è stato sicuramente importante – conferma il coach britannico che guida l’Italia ormai due anni – e la competizione è stata alta in tutti i quattro match disputati (contando  anche quello valido per il terzo e quarto posto in cui il Rieti ha surclassato gli Spartans Catania, ndr). Conoscevamo già bene alcuni giocatori che fanno parte del giro della Nazionale, ma abbiamo anche notato altri ragazzi emergenti che possono fare al caso nostro". Ed è proprio sulle “nuove leve” che Sterry e l’intero movimento della Federleague stanno lavorando da tempo. "Recentemente abbiamo organizzato a Vinci (in Toscana, ndr) un raduno in cui abbiamo visto all’opera sia giocatori convocabili nella Nazionale maggiori che buoni prospetti utili in un’ottica di Italia Under 19. Segno che il movimento sta crescendo bene e sta provando a darsi una continuità". La Nazionale, con ogni probabilità, tornerà protagonista nel mese di novembre con un importante test-match internazionale che verrà ufficializzato a breve. E gli appunti che Sterry e il suo staff hanno preso a Rieti potranno tornare certamente utili.