Notizie
Categorie:

Un Calcio al Passato, Speranza per il futuro", che successo a Rebibbia!

Guest star, nel torneo benefico in cui ha partecipato la Res Roma, Radja Nainggolan, fratello di Riana, entrambi centroncampisti giallorossi



Radja NainggolanGrande successo per il triangolare di calcio a 8 che si è svolto nel reparto  G.8 dell’istituto penitenziario di Rebibbia, per sancire l’inaugurazione del nuovo campo di calcio a 8, ristrutturato al termine dei lavori di ammodernamento, nell’ambito del progetto “Un Calcio al Passato, Speranza per il futuro”.Tale evento, a cui ha partecipato anche la Res Roma calcio femminile, è stato fortemente voluto dal Ministero della Giustizia in collaborazione con la FIGC, l’istituto penitenziario stesso, il comitato FIGC/LND della Regione Lazio, e l’Onlus A.P.A.S.S.Grazie al nuovo impianto di calcio a 8 tutti i detenuti potranno sempre più vivere in un ambiente molto vicino a quello della “normalità”, al fine di coadiuvare e favorire un percorso fattivo di graduale reinserimento nella società civile, attraverso lo sport e il calcio.Il triangolare ha visto confrontarsi - in gare da 30 minuti l’una - giocate nel pieno spirito del fair-play da tutti calciatori scesi in campo - una formazione mista tra la Nazionale Rebibbia Detenuti ed alcuni giovani musicisti, una rappresentativa della G.S. Rebibbia Calcio-Polizia Penitenziaria e la squadra di calcio femminile della Res Roma.Tanti gli ospiti illustri tra cui il dott. Zarelli, presidente del Comitato Regionale Lazio della Figc, la dott.ssa Cottini, segretario del Dipartimento Calcio Femminile della LND, il fuoriclasse della Roma Radja Nainggolan, e l’ex calciatore e dirigente dell’A.S. Roma, Antonio Tempestilli.Radja Nainggolan è stato la vera è propria guest star dell’evento: tutti i presenti lo hanno accolto con un’ovazione e lui si è sottoposto con grande spirito partecipativo e grande generosità ad una lunga sessione di foto e autografi, portando un enorme sorriso all’interno del carcere. Il calciatore giallorosso, non ha rilasciato dichiarazioni, ma si è intrattenuto per circa un’ora con i tanti detenuti presenti, al fianco della sorella Riana, giocatrice della Res Roma Femminile.A margine della manifestazione, l’associazione A.P.A.S. ha consegnato anche una serie di pacchi con all’interno vestitini e tutine donati in favore dei bambini ospiti all’interno del carcere, per permettere loro di rimanere vicini ai rispettivi genitori detenuti nel penitenziario.Riana Nainggolan in campo


Le dichiarazioni della presidente della Res Roma, Diana Stefani: “Per noi è stato un piacere, oltre che un onore, partecipare a questo evento, organizzato nel migliore dei modi da tutte le componenti. Ringrazio i vertici dell’istituto penitenziario, del Ministero della Giustizia, e i vertici delle istituzioni del calcio femminile italiano, in particolare il dott. Zarelli, presidente del C.R. Lazio, e la dott.ssa Cottini, segretario del Dipartimento Calcio Femminile della Lnd, che hanno dimostrato per l’ennesima volta la loro vicinanza al mondo del sociale e il loro grande cuore quando si tratta di regalare un sorriso a chi ne ha bisogno. Ringrazio l’A.S. Roma, il team manager Tempestilli e il calciatore Radja Nainggolan per aver reso ancor piu’ bella questa giornata. Infine volevo fare un particolare ringraziamento a tutti i ragazzi ospiti dell’istituto penitenziario, che con il loro affetto hanno reso questa manifestazione ancor piu’ bella e significativa.”