Notizie
Categorie: Dilettanti - Promozione

Un rigore di Alessandro Deodati regala al Guidonia il successo sulla Vigor Perconti

L'ex Pisoniano mette dentro la rete della vittoria nel cuore della ripresa



Alessandro Deodati in maglia empolitanaMARCATORI A. Deodati 16'st rig.

GUIDONIA Ruggini 6, Coccia 6, Marcelli 6.5, Chianelli 6, M. Deodati 5.5, Cacchioni 5.5, Ricci 6.5 (45’st Bernardini s.v.), Pieri 6, Trombetta 6.5, A. Deodati 7, Cordiali 5.5 (26’st Galluzzi 5) PANCHINA De Paolis, Peri, Barone, Di Mambro, Leone ALLENATORE Mariani  

VIGOR PERCONTI Scalabrin 6, Nicolini 6.5, Forte 6, Pomposelli 6.5, Moro 6.5 (36’st Bonaventura 6),Graziani 6.5, Campanella 6.5 (24’st Piccolo 6), Colarossi 6.5, Piccone 6, F. Di Bari 6.5, Zampolini 6.5 (15’st Perfili 6) PANCHINA  Pedulla, Guglielmi, Borgia, Luce ALLENATORE Bellinati

ARBITRO Crescenzo di Aprilia, 6.5 ASSISTENTI Contessa di Rieti eFedele di Latina : 14’st rig. 


Vittoria di misura e di rigore per i giallorossi tiburtini del Guidonia, nel debutto interno stagionale in Promozione, contro la Vigor Perconti di Bellinati. Un successo sicuramente immeritato quello dei tiburtini di Mariani, che sfruttano al meglio l’errore fatale commesso dalla retroguardia romana e conquistano i primi tre punti del proprio campionato. Da più parti, quella del Guidonia è considerata come una delle due favorite alla vittoria finale del campionato (insieme alla Valle del Tevere del duo Milazzo-Toscano, ndr), ma obiettivamente sembra decisamente un gradino sotto ai sabini come qualità tecnica e modalità di gioco. Sconfitti ma a testa alta, anzi altissima, i ragazzi di Via Giordani che giocano alla pari con il più quotato avversario e vengono battuti solamente da una grave ingenuità da parte del loro uomo di maggior esperienza nel reparto arretrato, ovvero Forte, che atterra Trombetta e causa il penalty da cui nasce il gol-partita. Primo tempo avaro di emozioni, con gli ospiti che sicuramente hanno creato qualcosa in più rispetto alla compagine tiburtina: al 33’ ad esempio Di Bari calcia dal limite, con la palla che non inquadra lo specchio di pochissimo. Si va così alla ripresa, con il Guidonia proteso in avanti nel tentativo di farsi pericoloso dalle parti di Scalabrin. L’episodio che cambia volto alla gara arriva però soltanto al 13’: detto dell’ingenuità difensiva, probabilmente l’errore parte già dalla disattenzione di Zampolini, sull’out di sinistra (destra per il fronte giallorosso di casa, ndr). Dal dischetto l’ex Pisoniano Alessandro Deodati calcia molto bene, estremamente angolato e per poco Scalabrin non riesce nella deviazione in corner: il portiere vicentino intuisce l’angolo, sfiora il pallone ma non riesce ad impedire che lo stesso finisca alle sue spalle. Il cuore Vigor non abbandona mai ed al 30’ Colarossi cerca la porta con il destro a giro dal limite: palla fuori di un soffio. Al 36’ Bellinati concede qualche minuto di gloria al giovane attaccante ’96 Bonaventura, che esordisce così in prima squadra e va ad aggiungersi ai debutti di Di Paolo, Lisari ed Amici avvenuti mercoledì scorso in Coppa Italia contro la Dinamo Colli. In chiusura di partita, ci prova ancora una volta Francesco Di Bari, ma il pallone finisce a fondo campo.