Notizie
Categorie: Dilettanti - Serie D

Unicusano Fondi all'inglese, Serpentara ko

Le reti di D'Agostino ed Alleruzzo, giunte entrambe nel primo tempo, consentono ai rossoblu di accedere agli ottavi



UNICUSANO FONDI - SERPENTARA BELLEGRAOLEVANO  2-0

MARCATORI 26’pt D’Agostino, 44’pt Alleruzzo
UN. FONDI Calandra, Tommaselli, Ruggiero, Martino (37’st Catinali), Barbato, Rinaldi, Alleruzzo, Sterpone, Angelilli (15’st Iadaresta), D’Agostino, Meloni (29’st Tiscione) PANCHINA Saitta, Antonelli, Centra, Galasso, Pepe, Di Giacomo ALLENATORE Pochesci
SERPENTARA B.O. Saccucci, Matarazzo, Galeazzi, Merino (27’pt Gabrieli, 24’st Maione), Ilari (17’pt Savi), Del Duca, Spaziani, Lustrissimi, Quatrana, Delgado, Cestrone PANCHINA Gerosi, Savi, Evangelista ALLENATORE Foglia Manzillo
ARBITRO Cudini di Fermo (Basile-Micaroni)
NOTE Rec. 3 pt - 4’st

Con il classico successo all’ inglese, l’ UnicusanoFondi supera il Serpentara ed ottiene il passaggio agli ottavi di finale della Coppa Italia. Un successo limpido, che lancia gli uomini di Pochesci verso la fase topica della competizione tricolore, in programma nella seconda metà di febbraio.

Unicusano Fondi ok foto©facebookLa partita La gara inizia su ritmi blandi, le squadre si affrontano a viso aperto, ma senza far notare azioni di particolare rilievo, tant’ è che la prima vera nota è quella relativa al vantaggio rossoblù: errore in disimpegno della difesa ospite, la palla arriva a D’ Agostino che in area e di piatto sinistro trova l’ angolo basso più lontano per battere Saccucci. I locali controllano senza grosse difficoltà (nel frattempo il Serpentara ha dovuto effettuare due cambi forzati), ed al 36’ mancano il raddoppio con Tommaselli, che da buona posizione calcia alto una respinta della difesa su cross di D’ Agostino. I romani provano a rendersi pericolosi, e tre minuti prima del riposo è Galeazzi che dalla distanza in diagonale impegna Calandra ad una deviazione in tuffo. Ma allo scadere della prima frazione è Alleruzzo a salire in cattedra: il centrocampista dell’ Unicusano Fondi prima chiama il portiere ospite ad una bella deviazione in angolo su colpo di testa, poi sugli sviluppi dello stesso corner si muove sul filo dell’ offside ed in diagonale mette in rete sul secondo palo.

La ripresa Nel secondo tempo parte meglio il Serpentara: in apertura è Quatrana a non arrivare su un invitante assist di Delgado, poco dopo Del Duca, di testa, manda di poco fuori su calcio d’ angolo. Al 12’ la risposta fondana è in un rasoterra di Angelilli che Saccucci respinge con il corpo. Il match sfila via senza sussulti, con i tirrenici che non hanno problemi a mantenere il confronto sui binari desiderati. Poco dopo la mezz’ ora è il neo entrato Tiscione a chiamare il portiere ad una deviazione a terra, mentre al 38’ è Calandra che si oppone due volte a Maione, anch’ egli entrato da poco: prima con una deviazione d’ istinto su girata di testa ravvicinata, poi con una parata a terra su conclusione dal limite; ed è ancora Maione che nel recupero sfiora la rete da posizione ravvicinata. Ma per lui non era certo la giornata più fortunata.