Notizie

Urbetevere, Barba: “Lodigiani? una corazzata, ma possiamo batterla”

Il tecnico gialloblu riflette sulle prime gare di quest'inizio di stagione con uno sguardo rivolto alla super sfida di sabato



Il tecnico Pasquale BarbaChi è l’Urbetevere? Una grande? Una squadra di media fascia? Saranno sicuramente decisive le prossime giornate per scopririlo, per dare una misura specifica a un gruppo denso di qualità e valori, ma che deve ancora confrontarsi (e scoprirsi) contro le formazioni più minacciose del campionato. Per ora l’inizio è stato più che positivo: in sette gare, vediamo i gialloblu forti di cinque vittorie, un pari e una sconfitta. Ricordiamo insieme al tecnico Pasquale Barba le prestazioni migliori e peggiori dei suoi: “La gara che finora mi è piaciuta di più è quella con la Polisportiva Carso. Ho apprezzao in particolare il nostro approccio alla partita e come poi questa stessa sia stata gestita. Anche perchè loro (il Carso, ndr) sono molto bravi a livello di singoli e di organizzazione del gioco. L’avevo pensato allora, quando ci siamo incontrati, e i loro recenti risultati mi stanno dando ragione. L’unica sconfitta, quella con la Lazio, è invece il mio ricordo peggiore. I biancocelesti ci hanno affrontato con un grande spirito e voglia di rivincita dopo il Serilli, ma noi, in certi frangenti, abbiamo demeritato fortemente. Forse, l’abbiamo subita più per nostre colpe che per loro meriti.” Tempo fa lo stesso Barba aveva dichiarato che la gara con il Cinecità Bettini sarebbe stata un crocevia importante, perchè prendere quei punti in palio avrebbe significato arrivare pronti al vicinissimo tour de force: “Si, siamo stati bravi. Credo che siamo scesi in campo con lo spirito giusto nell’ultima gara, senza pensare alla classifica, ma solo alla singola prestazione, proponendo sul campo una buona intensità.” Ora, a pochi giorni di distanza, l’Urbetevere sosterrà il test più difficile, con la Lodigiani: “E’ sotto gli occhi di tutti il fatto che si tratti di una corazzata. Non conosco mister Francolini di persona, ma conosco Rivetta e so chi vado ad affrontare. Il loro gioco? hanno una qualità tecnica importante non si snatureranno per giocare con l’Urbetevere. Ma come del resto feremo noi stessi: le caratteristiche di gioco son quelle, è impensabile cambiare radicalmente in una settimana. Urbetevere (Foto©DelGobbo)Certamente però, disputando partite contro squadre del genere qualche accortezza in più del solito va presa, come penso la prenderanno anche loro. Se sarà una gara ricca di goal? Me lo sono domandato più volte, senza trovare tuttavia una risposta definitiva.  Credo che se si sbloccasse subito, probabilmente si; se invece ci fosse uno stallo iniziale… ci sarà da lottare. La formazione titolare? Già ce l’ho in testa, ma dipende molto dagli ultimi due allenamenti.” Sicuramente un aspetto fondamentale alla vigilia e nel post di questa gara, sarà quello mentale, considerando fra i tanti spunti, anche lo spauracchio Carso, due punti sotto ai gialloblu e in gara sabato con l’Anzio: “Certo, l’aspetto mentale è fondamentale in questa gara, tenendo presente anche  i nostri prossimi impegni nel calendario. Sarà una partita decisiva, c’è tanto da vincere e da perdere, ma mi auguro soprattutto che i ragazzi si divertano.”