Notizie
Categorie: Allievi Fascia B

Urbetevere in semifinale: Odorisio e Calisto ribaltano il Ladispoli

Partono bene i ragazzi di Bosco che chiudono il primo tempo in vantaggio. Nella ripresa però si scatenano i gialloblu



MARCATORI 32'pt Bianchi (L), 7'st Odorisio (U), 12'st Calisto (U)
LADISPOLI Romano (1'st Caputo), D'Ottavi, Mastrodonato, Pellicano, Bianchi, Mei, Foresi, Casoli (21'st Zucchi), Garbati, Calabresi, Savarino (8'st Proietti) PANCHINA Giannattasio, Di Russo, Pietrasanta, Pizzuti ALLENATORE Bosco
URBETEVERE Mercadante, Marchionne (21'st Paris), Calisto, Putrino (19'st La Manna), Gamba, De Angelis, La Rosa (3'st Odorisio), Aureli, Saltalamacchia (24'st Simoes), Maggiolini (37'st Frangella), Cappai (11'st Vittorini) PANCHINA Bianco ALLENATORE Ripa
ARBITRO Garluccio di Ostia
NOTE Ammoniti Mei, Calabresi, D'Ottavi, La Rosa, Cappai, De Angelis, Odorisio. Espulso al 36'st Mei per doppia ammonizione. Rec. 2'pt – 4'st

Dopo lo scivolone fatto con la Vigor Perconti, l'Urbetevere si rialza e lo fa nel migliore dei modi. Ancor prima di gioco e risultato, Ripa si gode la prova di carattere dei suoi. Andati sotto, i gialloblu hanno saputo recuperare il bandolo della matassa per poi far propria la gara con un avvio di secondo tempo da applausi. Il Ladispoli dal canto suo ci prova, quella di Bosco è una squadra decisamente scorbutica e, nonostante il ko di oggi, al Lodovichetti ha dimostrato che in campionato farà sudare freddo parecchie squadre. 

Ladispoli, semplice ma efficace. Vuoi per indole, vuoi per un terreno di gioco tutt'altro che in perfette condizioni, l'undici di Bosco non si abbandona a particolari leziosismi. I ricami tecnico-tattici lasciano infatti il posto alla semplicità e alla rapidità di manovra costringendo così l'Urbetevere a tenere ben alta la guardia. Dopo un paio di scaramucce iniziali, con La Rosa e Casoli che non sfruttano le rispettive occasioni, la gara si sblocca poco dopo la mezzora. Sugli sviluppi di un calcio d'angolo, La Rosa sbuccia il pallone favorendo così l'intervento sul secondo palo di Bianchi che insacca l'1-0 con una zuccata da pochi passi.

Image titleLa cura Ripa. Nella ripresa si cominceranno a vedere i primi risultati di quella che potremmo definire come la “cura Ripa”. L'Urbetevere scende in campo con un ritrovato spirito e, non a caso, a decidere il match saranno proprio due da cui, dopo la sconfitta con la Vigor Perconti, l'allenatore si aspettava un deciso segnale. Dopo appena una manciata di minuti il neo entrato Odorisio dimostra di aver recepito il messaggio e assimilato al meglio la panchina dando all'incontro una decisa sferzata d'energia. Ecco perciò che, praticamente da solo, costruirà l'azione del pareggio recuperando prima palla in pressing e poi, entrato in area, trafiggendo Caputo per il momentaneo 1-1. Il secondo squillo arriverà già al dodicesimo. A suonare la carica questa volta è Calisto. Il terzino, reduce da una prova opaca contro la Vigor, stavolta si rifà con gli interessi insaccando di testa un cross dalla destra. 

Assenza pesante? Il ribaltone taglia le gambe al Ladispoli che poi dovrà decisamente dire addio alle sue speranze di rimonta al 35'st quando Mei lascerà il campo anzitempo per doppia ammonizione in seguito ad una scellerata entrata su Maggiolini che abbandonerà il campo trasportato fuori a braccia dallo staff dell'Urbetevere. Da valutare le condizioni di quello che è sicuramente uno degli elementi cardine dell'undici gialloblu. L'avvicinarsi del campionato e la smorfia di dolore del giocatore lasciano però più di qualche dubbio sulla sua presenza in semifinale dove la formazione di Ripa dovrà vedersela ora contro la Romulea.