Notizie
Categorie: Dilettanti - Promozione

Valle del Tevere, il ds Capretti: "Vedo il bicchiere mezzo pieno, pronti a ripartire"

Il dirigente non soddisfatto del passo falso contro il Sant'Angelo, ma ottimista per il futuro: “De Francesco grande giocatore, Toscano presto in condizione.” E prepara un colpo di mercato



Severino Capretti, ds della Valle del TevereSolo un pareggio alla prima di campionato contro il Sant'Angelo Romano, ma in casa Valle del Tevere non si fanno drammi. I 2 punti lasciati su un campo rivelatosi più ostico del previsto non fanno saltare i piani alla corazzata di Scaricamazza, che resta una delle favorite alla vittoria finale del girone B. Dello stesso avviso è il ds amaranto Severino Capretti, che Gazzetta Regionale ha avuto il piacere di intervistare per fare il punto della situazione dopo l'amaro esordio in campionato, nonché sugli ultimi movimenti di un calciomercato che sta per chiudere i battenti.

Partiamo proprio da qui. Direttore, state pensando a qualche acquisto last minute? Se sì, quanto ha influito il risultato di domenica scorsa sulla decisione di tornare sul mercato? 

Per adesso non abbiamo chiuso nessuna trattativa, anche se l'intenzione c'è. Saremo vigili e operativi fino al 17 settembre. Qualche idea per la testa l'avevo ancor prima del 3-3 contro il Sant'Angelo e ce l'ho tutt'ora, senza però dimenticare che la nostra rosa è già completa e competitiva.

A proposito della prima di campionato: il mezzo passo falso contro il Sant'Angelo Romano com'è stato accolto nello spogliatoio e dalla società? 

Sicuramente è un risultato che non ci lascia soddisfatti. La partita, per come si era messa, bisognava chiuderla e portarla a casa. Sul 3-2 per noi, e con gli avversari in dieci, una squadra che punta a vincere il campionato avrebbe dovuto ammazzare la gara. Non ci siamo riusciti e siamo stati puniti dal gol di Ciolfi, davvero un gran giocatore. E' stato più un problema mentale, a mio avviso, perché a centrocampo Bouagba e Salvati hanno sempre tenuto il pallino del gioco, come vuole il mister. Ho visto buone cose. Il bicchiere è mezzo pieno.

Un breve focus sui singoli. Giannetti e Toscano leggermente sottotono; bene De Francesco, molto bene Di Giovanni. E' d'accordo? 

Per quanto riguarda Gianluca (Toscano, ndr) non sono totalmente d'accordo. Lui è un giocatore d'area che ha bisogno di palle giocabili. In più, ha risentito molto della gabbia che i centrali del Sant'Angelo gli hanno costruito attorno. Sono stati bravi loro. E' alto 1,90, con una mole non indifferente: ha bisogno di più tempo per trovare una condizione fisica ottimale. Per quanto riguarda Patrick (Giannetti, ndr) lui è il classico giocatore che può inventarti una giocata dal nulla. Mirko (De Francesco, ndr) non lo scopriamo di certo adesso. Lui è già in gran forma e il gol che ha messo a segno ne è la prova. Di Giovanni molto bene, sì. Ha spinto molto sulla fascia, si è dato molto da fare. Lui ormai è uno dei veterani di questo gruppo, nonostante la giovane età.

Domenica c'è il Villalba in casa. Un Villalba che ha steccato, tra mille polemiche, l'esordio contro il Capena e che arriva con il dente avvelenato, senza 3 titolari squalificati. La Valle del Tevere, però, non può permettersi un altro passo falso. 

Il nostro obiettivo non cambia. Certo, dispiace per gli episodi arbitrali che hanno condizionato la prima partita del Villalba e che condizioneranno, inevitabilmente, anche la trasferta contro di noi. Non poter contare su tre titolari sarà sicuramente un handicap per loro. Ma noi dobbiamo fare la nostra partita, con la consapevolezza di dover ottenere i 3 punti davanti al nostro pubblico.