Notizie

Valmontone, due importanti iniziative per il Museo Doria Pamphilj

Da domani anche il Polo espositivo di Piazza della Costituente sarà visitabile in modo virtuale dalla pagina Facebook del Museum Grand Tour (Musei Castelli Romani Prenestini) attraverso uno dei video che consentiranno di effettuare un tour virtuale



Palazzo Doria PamphiljDa domani anche il Museo Palazzo Doria Pamphilj a Valmontone sarà visitabile in modo virtuale dalla pagina Facebook del Museum Grand Tour (Musei Castelli Romani Prenestini) attraverso uno dei video che, prodotti e realizzati dai musei aderenti al Sistema museale della Comunità Montana Castelli Romani e Prenestini, consentiranno di effettuare un tour virtuale, in cui i protagonisti saranno gli utenti, chiamati a votare – attraverso un semplice "like" – il museo che riterranno più social. Da venerdì 18 settembre, inoltre, ad un mese esatto dal crudele omicidio per mano dell’Isis dell'archeologo Khaled al-Asaad, nel sito archeologico di Palmira in Siria, il Museo di Palazzo Doria – insieme a tanti altri musei del Lazio – sarà intitolato alla sua memoria, per ricordarne il prezioso lavoro, il sacrificio e ribadire un secco no al terrorismo e ad ogni forma di violenza. L’archeologo al-Asaad, infatti, era rimasto sul posto di lavoro anche dopo che la città, già citata nella Bibbia e dichiarata dall'Unesco patrimonio dell'Umanità, era stata presa dai miliziani perché in questo modo ha potuto nascondere, e salvare dalla distruzione, centinaia di statue e di importanti reperti romani. Catturato è stato torturato, invano, per cercare di scoprire dove avesse nascosto i reperti fin quando, il 18 agosto scorso, è stato barbaramente ucciso a Palmira ed appeso ad un palo. Un martirio che, da venerdì, verrà commemorato intitolando diversi musei all’ottantaduenne studioso, per oltre 40 anni responsabile del sito di Palmira. “Abbiamo deciso – spiega il sindaco, Alberto Latini - di mantenere l'intitolazione del Museo di Palazzo Doria a Khaled al Asaad dal 18 settembre fino al 31 dicembre, un periodo durante il quale verranno realizzate anche mostre ed iniziative culturali tese a conoscere meglio quelle realtà, geograficamente lontane da noi ma ricche di cultura, e a far salire, alto, il nostro no al terrorismo e alla violenza”.