Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Regionali

Velletri, parla mister Nanni: "Siamo una squadra vincente"

Intervista al tecnico veliterno, quest'anno alla guida di Allievi e Juniores: "I risultati stanno arrivando"



Image titleDomenica mattina presso la polivalente a Velletri è andata in scena la prima partita del girone di ritorno della categoria Allievi. La squadra di casa si è imposta on un netto 6 a 1, ma la gara a differenza di quanto suggerito dal risultato non è stata una passeggiata. In avvio, dopo esser andati in gol alla prima occasione con Giorgio Bonetti, la squadra veliterna iniziava a giocare con un po’ di sufficienza e solamente grazie a tre ottimi interventi dell’estremo difensore Ludovico Ludovisi il risultato rimaneva ancorato sull’1-0. Ma nenache il portiere ha potuto nulla alla fine del primo tempo quando il Latina ha trovato il pareggio. Nello spogliatoio mister Nanni strigliava i suoi ragazzi i quali, rientrati in campo, iniziavano finalmente a giocare come sanno e prima un doppio Lorenzo Sergola poi Carapellotti, Cioccari e Della Vecchia chiudevano la partita. 

Al termine della partita abbiamo incontrato Mister Nanni con il quale abbiamo fatto due chiacchiere.


Mister a metà stagione possiamo dire che i risultati sono molto positivi: primi negli Allievi e protagonisti nella Juniores. Ad inizio stagione qual obiettivi vi eravate posti con la società?

"I risultati stanno arrivando. Stiamo facendo bene e per fare meglio non avremmo dovuto perdere lo scontro diretto con la Carlisport e conquistare quei punti che ci avrebbero fatto stare intorno alla quinta posizione. Premesso ciò, stiamo centrando in pieno gli obiettivi di inizio stagione".


Visto da fuori, sei un allenatore molto esigente. Qual è il rapporto con i tuoi ragazzi?

"Conosco ognuno di loro in varie sfaccettature dal momento che sono sette anni che stiamo insieme. Sto imparando a conoscere e ad "educare al nostro stile" i nuovi arrivati. E' normale che il mio rapporto con ognuno di loro è singolare. Non per tutti posso usare lo stesso metro. Sono esigente perché credo nelle loro potenzialità e perché do tanto a livello d' impegno e professionalità. Mi piace quando si gioca sempre dando il massimo e lottando su ogni pallone al fianco del proprio compagno. Per quanto riguarda il rapporto, è sicuramente buono, però bisognerebbe chiedere loro se ancora non si sono stufati".


La società ha piena fiducia in te e delle tue capacità, affidandoti il doppio impegno con la panchina degli Allievi e Juniores. Cosa ne pensi?

"Il doppio impegno è stato pensato insieme al responsabile Christian Pontecorvi al fine di non perdere quei ragazzi che sarebbero usciti dagli Allievi, primo fra tutti capitan Palma (un ragazzo fantastico) ed allo stesso tempo per far crescere i ‘98 più pronti. In effetti alcuni di loro stanno diventando giocatori. Anche se purtroppo, forse, me ne accorgo solo io (ride ndr). L'impegno è tanto perché è un gruppo eterogeneo quindi bisogna curare tanti aspetti diversi e non si può fare un unico allenamento valido per tutti. Ci sarebbe voluto un terzo giorno di lavoro e purtroppo anche l'assenza di una struttura coperta si fa sentire: all'aperto fa freddo e per non provocare infortuni non stiamo provando situazioni di gioco importanti. In considerazione dello stato attuale delle cose, per ora meglio di così non possiamo fare. Abbiamo sofferto un po’ quelle gelosie competitive che ci possono stare in un gruppo, ma in quest' ultimo periodo noto che i ragazzi stanno maturando. Sono contento di aver riportato nel calcio a 5 un giocatore che, nonostante le sue spiccate doti tecniche, fa dell' umiltà e del senso di appartenenza al nostro gruppo delle prerogative essenziali, Alessio Vicario. Gli ho fatto delle promesse ad inizio stagione e spero di mantenerle!"


Mister Francesco NanniNegli ultimi tre anni avete ottenuto ottimi risultati, ricordiamo la vittoria del girone due anni fa nella con i Giovanissimi del proprio girone con tutte le partite vinte; lo scorso anno la vittoria della prestigiosa Coppa Lazio con gli Allievi e quest’anno protagonisti nel girone di andata . Cosa rispondi a chi dice che sei un allenatore vincente?

"Rispondo semplicemente dicendo che è l'allenatore a fare la squadra e la squadra a fare l'allenatore! Non sono un allenatore vincente, siamo una squadra vincente, che deve avere sempre la giusta dose di umiltà".


Cosa pensi di fare “da grande”?

"Per ora penso a disputare due grandi gironi di ritorno, poi chi vuol esser lieto sia del doman non v'è certezza".