Notizie
Categorie: Nazionali - under 17

Verso il derby delle Lupe: non sarà un "Davide contro Golia"

Terza e ultima parte dello speciale. Vi presentiamo il big match di domani dove la formazione di Carbone parte con i favori del pronostico ma guai a sottovalutare Angelocore e i suoi



Con una Lupa Roma sempre più capolista, e nove lunghezze a dividere le due squadre in classifica, naturale pensare ad un derby dal risultato già scritto. Un errore che potrebbe però costare caro perchè, soprattutto sulla partita secca, la Lupa Castelli Romani ha già dimostrato di poter far male a chiunque.

Carboni, la sua Lupa Roma non vuole rallentareSeppur non scontato, questo derby pende decisamente a favore della Lupa Roma. I ragazzi di Carboni, per risultati e soprattutto continuità di rendimento, arrivano alla partita di domani da favoriti con quello zero nella casella delle sconfitte che poi non fa altro che alzare le quotazioni dei padroni di casa. Numeri che non sono arrivati certo per caso ma attraverso le prestazioni di una formazione che, sul campo, ha saputo dimostrare di avere già un'identità ben definita. L'arma principale del 4-3-1-2 di Carboni è sicuramente la solidità e la compattezza figlia delle prestazioni più che positive del pacchetto arretrato. Loiali e Falasca (in dubbio per domani,ndr) si stanno dimostrando come una delle coppie meglio affiatate in circolazione, difesa poi da quel capitan Cucciari che, in mediana, è il metronomo scelto da Carboni. Il gioco della Lupa si sviluppa soprattuto per vie centrali sfruttando le invenzioni e le accelerazioni di Catanzaro sulla trequarti. Davanti Carboni abbina la solidità di Maurizi all'estro di Svidercoschi che si presenta a questo derby sicuramente come l'uomo del momento. Se la Lupa Castelli vuole uscire indenne dal Francesca Gianni dovrà tenere d'occhio soprattutto l'ex Lazio.

Angelocore, la sua esperienza sarà fondamentaleLa Lupa Castelli Romani si presenta a questa sfida come una vera e propria incognita. Se c'è un difetto nell'undici di Angelocore è sicuramente quello della continuità. Alti e bassi quelli vissuti in stagione da una squadra che non sempre riesce a trasferire in campo il proprio potenziale ma che grazie all'esperienza del tecnico ha centrato exploit importanti. A far preoccupare la Lupa Roma c'è poi la voglia di riscatto che animerà una formazione che arriva dallo scivolone con il L'Aquila. Gli ospiti contano poi al proprio interno più di qualche individualità di sicuro spessore. Dietro l'ex Tor Tre Teste Fisichella è il fiore all'occhiello del reparto. I vari Barbusca e Scarpecci nel mezzo danno solidità (occhio ai loro tiri dalla distanza,ndr) ad una squadra pronta ad accendersi sui guizzi di Pompili e soprattutto Baldassi. L'esterno ha infatti le qualità giuste per far saltare il banco in qualsiasi momento.

Cosa aspettarsi quindi da questa partita? Se la Lupa Castelli Romani riuscirà a reggere l'urto iniziale dei padroni di casa ci sarà da divertirsi. Angelocore, da vecchia volpe qual è, non lascerà nulla al caso ma anzi starà preparando una vera e propria trappola per la capolista. Dal canto suo la Lupa Roma dovrà essere brava a far circolare il pallone con rapidità cercando così di evitare dei lanci lunghi che avvantaggerebbero la “fisica” difesa degli avversari. A spostare l'ago della bilancia a favore della Lupa Castelli ci sarà l'intensità. Se gli ospiti riuscissero ad imprimere al match un ritmo piuttosto intenso la formazione di Carboni potrebbe davvero rischiare grosso. Ottanta minuti tutti da vivere e che, per una volta, vanno ben oltre i semplici tre punti. Al Francesca Gianni la colonnina di mercurio è pronta ad impennarsi per un derby tra Lupe che già promette spettacolo.

LUPA ROMA (4-3-1-2): Bianco; Sarrocco, Loiali, Falasca, Centonze; Valerio, Cucciari, Basile; Catanzaro; Maurizi, Svidercoschi
LUPA CASTELLI ROMANI (4-3-3): Del Moro; Cameo, Fisichella, Costalunga, De Angelis; Barbusca, Gerardo, Scarpecci; Pompili, Ludovisi, Baldassi