Notizie
Categorie: Nazionali - under 17

Verso il derby delle Lupe: palla a Cucciari e Scarpecci

Seconda puntata dello speciale per la sfida tra Lupa Castelli e Lupa Roma. Dopo i tecnici tocca ai due capitani. Cucciari: "Siamo concentratissimi", Scarpecci: "Andiamo là per vincere"



Giorgio Scarpecci e Matteo Cucciari, i due capitani delle LupeSono i trascinatori, il prolungamento dei due allenatori in mezzo al campo, quelli da cui ci si aspetta sempre qualcosa in più. I due capitani, in una partita, non sono giocatori come gli altri figuriamoci in un derby. A due giorni dalla stracittadina siamo andati a curiosare nello spogliatoio di Lupa Roma e Lupa Castelli Romani. A svelarci come le due squadre si stanno preparando ad una delle sfide più attese dell'anno ci sono perciò Matteo Cucciari e Giorgio Scarpecci, il cuore pulsante del derby delle Lupe.

Manca poco a questo primo derby. Che aria si respira nello spogliatoio?
Cucciari: “Quando è uscito il calendario siamo subito andati a vedere quando ci sarebbe stata questa partita. La affrontiamo con serenità, sappiamo quanto valiamo e quello che dobbiamo fare. Non abbiamo paura di nessuno”. Scarpecci: “E' una partita che aspettavamo. Magari qualcuno la sente un po' di più perchè per molti sarà il primo derby però c'è una tensione positiva e davvero non vediamo l'ora di giocarla”.

Giocare una partita del genere non è mai semplice. Cosa ci vorrà per vincere?
C: “Per vincere un derby ci vuole cuore, grinta e voglia di arrivare. In gare così spesso i valori tecnici si annullano e perciò dobbiamo essere bravi a non perdere la testa anche se magari la partita si può mettere male per noi”.
S: “La concentrazione sarà fondamentale. La squadra più concentrata vincerà. Dovremo giocare su dei ritmi alti sino alla fine, senza mai abbassare la guardia. Se ci riusciremo potremo saremo noi a vincere questa partita”.

 L'altra squadra dispone di molte individualità. Chi sarà da tenere d'occhio?
C: “Sappiamo che hanno tanti bravi giocatori ma non abbiamo paura di nessuno. Questo è un campionato tosto dove ogni domenica trovi delle squadre attrezzate con individualità importanti, noi però preferiamo lavorare molto su noi stessi più che concentrarci sugli altri”.
S: “Se sono primi, vuol dire che avranno sicuramente delle individualità importanti. Svidercoschi sta facendo bene. Lo conosco, ci ho giocato insieme, e so bene che è un buon attaccante. Assieme a lui anche Basile a centrocampo sarà da non sottovalutare”.

Facciamo un gioco: rientrate negli spogliatoi all'intervallo sotto di un gol. Cosa dici ai tuoi compagni?
C: “Non dobbiamo perdere la testa, sarebbe la cosa più sbagliata. Per quanto valiamo sicuramente riprenderemo la partita. Siamo forti, non dobbiamo perdere la concentrazione e dobbiamo continuare a giocare, come abbiamo dimostrato tutte le domeniche d'altronde”.
S: “Dobbiamo mantenere la giusta lucidità. Dobbiamo restare calmi per trovare il risultato. Continuiamo a fare quello che sappiamo fare. Abbiamo un bell'attacco, dobbiamo ritrovare solo l'orgoglio per rialzarci e fare gol e un altro ancora per vincere. E' facile. Direi questo ai miei compagni perchè abbiamo dimostrato di essere una squadra che non si abbatte mai”.

Chiudiamo con il tuo pronostico. Quanto finisce il derby?
C: “Sono un ragazzo scaramantico (ride,ndr). Posso solo dire che spero nella nostra vittoria. Ce la metteremo tutta. Siamo concentratissimi poi quello che verrà verrà”.
S: “E' già difficile farlo in una partita normale, figuriamoci in un derby. So solo che sarà una grande partita e che noi andiamo là per vincere, come sempre”.