Notizie

Viareggio Cup, finalmente si parte. Domani l'esordio di Roma e Rappresentativa Serie D

Da oggi a sabato otto partite al giorno. Alle 15.00 spiccano Milan - PSV Eindhoven e Fiorentina - Nordsjaelland. Le formazioni di De Rossi e Gentilini in campo martedì



Romeo e Palagi con la Coppa Carnevale foto©viareggiocup.comE’ tutto pronto. Giocatori, allenatori, dirigenti, organizzatori, arbitri, tifosi e addetti ai lavori. Dopo aver scaldato ben il motore, il torneo più importante e atteso della stagione nella categoria Primavera è pronto ad alzare il sipario e puntare i riflettori sul suo palcoscenico. Due settimane di grande calcio, trentadue tra le migliori formazioni della nazione e tra più interessanti e cuoriose realtà mondiali sono pronte a dare il 100% per aggiudicarsi la 67esima edizione del Torneo di Viareggio. Una manifestazione che come sempre riserverà un turbillon di emozioni nella sua ricca offerta: otto partite al giorno nella prima settimana di gare, una fase eliminatoria senza sosta che si concluderà sabato prossimo. Nella settimana successiva si svolgerà invece la fase elimatoria: ottavi, quarti e semifinali prima di sancire la squadra trionfatrice della kermesse, lunedì 16 febbraio. 


Le parole di Palagi Il presidente del Cgc Alessandro Palagi ha così presentato la 67ma Viareggio Cup: “Il nostro compito di organizzatori è di aiutare i club a fare vivaio, a fare futuro, i giovani devono essere il veicolo attraverso cui si può rifondare il calcio italiano viste le ultime brutte figure fatte ai Mondiali. Il nostro Torneo è un momento di incontro non solo sportivo e agonistico, ma anche tra diverse culture. Si svolgerà in 3 regioni: Toscana, Liguria e Puglia. Si giocheranno 63 gare in totale e vi parteciperanno 768 giocatori facenti parte delle 32 squadre tra cui 21 italiane e 11 straniere. Ringraziamo ancora la Rai per il grande apporto comunicativo che dà al Torneo. Per quanto riguarda la nostra capacità di far esprimere talenti, cito soltanto un esempio relativo alla Rappresentativa di Serie D: da loro fonti viene rilevato che circa l’87% dei 216 giovani dilettanti che hanno partecipato negli ultimi anni al Torneo ha raggiunto il professionismo e questo è un dato molto significativo”.


Il saluto di Tavecchio Così il numero uno della Figc, Carlo Tavecchio ha voluto salutare l’inizio del torneo: “Nel panorama calcistico giovanile nazionale ed internazionale la Viareggio Cup rappresenta un elemento qualificante della storia calcistica italiana. Pur dovendo far i conti, anche in questo settore, con la crisi economica e con le crescenti difficoltà legate al deterioramento dell’impiantistica di base, su cui latitano interventi di riqualificazione ad opera degli enti locali, l’ex Coppa Carnevale ha mantenuto intatto il suo fascino e la sua competitività. La promozione dei vivai e dei talenti del calcio italiano passa attraverso un quotidiano lavoro tecnico-atletico sulle nuove leve ed anche attraverso l’organizzazione di competizioni qualificanti come la Viareggio Cup. Colgo l’occasione per augurare agli organizzatori ed a tutti i partecipanti una buona riuscita della manifestazione all’insegna del fair play.”


Il saluto di Abodi “La Coppa Carnevale - spiega il presidente della Lega Serie B - sotto le insegne della campagna sul rispetto, fa scendere in campo per la sessantasettesima volta i sogni e le speranze di giovani calciatori provenienti da tutte le latitudini del nostro pianeta, testimoniando ancora una volta la capacità del calcio, al pari di qualsiasi altra disciplina sportiva, di riunire, far incontrare e competere le identità del mondo. Una parte importante della storia del calcio mondiale è passata per Viareggio lasciando un segno nell’Albo d’oro dei vincitori, nei tabellini di chi è sceso in campo, ha allenato le squadre o arbitrato gli incontri. E siamo certi che nei prossimi anni troveremo testimonianza che anche l’edizione del 2015 abbia rappresentato per molti un emozionante banco di prova, prima di spiccare il volo verso l’alto livello e l’eccellenza professionistica.” Conclude il presidente della Serie B: “Alle delegazioni delle trentadue squadre provenienti dai cinque Continenti facciamo l’augurio di una competizione tecnicamente e agonisticamente gagliarda, nobilitata dal rispetto nei comportamenti e nelle parole da parte di tutti i protagonisti, in campo e fuori.” 


Assenti e presenti La 67esima edizione della Viareggio Cup dovrà fare a meno due storiche protagoniste della kermesse. In campo infatti non ci sono né la Lazio né la Juventus, due squadre che hanno fatto la storia di questa competizione e che si ritroveranno faccia a faccia nel doppio confronto di Primavera Tim Cup l’8 e il 14 febbraio. Alla base della decisione della Lazio, i dissapori legati agli ultimi anni della manifestazione che ha visto i biancocelesti spesso e volentieri giocare nei centri più dislocati e difficili da raggiungere. Discorso diverso per la Juventus che, nonostante la tradizione positiva (sei successi nelle ultime 12 edizioni), ha comunicato di non ritenere la compagine di Fabio Grosso pronta per partecipare alla competizione. Chi ci sarà è invece la Roma che martedì pomeriggio esordirà allo stadio Bresciani di Viareggio (la gara sarà trasmessa in diretta da RAI SPORT) contro il Belgrano. Riparte la caccia di De Rossi all’unico trofeo che non è mai riuscito a conquistare nella sua lunga carriera sulla panchina giallorossa.


Si comincia oggi. Alle 15.00 esordirà il gruppo A, nel primo giorno di gare infatti sono i primi quattro gironi a scendere in campo per il primo turno della fase eliminatoria. Due i faccia a faccia più interessanti: i campioni in carica del Milan che se la vedranno contro gli olandesi del PSV Eindhoven e la Fiorentina che giocherà con il Nordsjaelland. La Roma invece esordirà domani pomeriggio contro il Belgrano, la gara si svolgerà allo stadio Bresciani di Viareggio e sarà trasmessa in diretta da RAI Sport. Anche la Rappresentativa di Serie D sarà in campo domani, la selezione del ct Gentilini sarà impegnata nel difficile confronto con l'Empoli.