Notizie
Categorie: Giovanili - Allievi

Villalba, il presidente Scrocca: "Soddisfatto della Scuola Portieri Imparando"

Il patron: "Felici di aver ospitato l’innovativo metodo di allenamento per estremi difensori"



Image titleCon l’arrivo delle festività natalizie si concluderà la prima parte della stagione 2014-15 che per il Villalba Ocres Moca del presidente Pietro Scrocca e per la società “consorella” del 1952 Villalba presieduta da Mauro D’Autilia è stata quella dell’importante novità legata all’accordo con la Scuola portieri “Imparando” che di fatto ha preso in consegna tutti gli estremi difensori del club tiburtino offrendo anche a tesserati di altre squadre la possibilità di poter saggiare le metodologie utilizzate dallo staff di Emanuele Maggiani e David Quironi (rispettivamente preparatori di Lupa Roma e Ternana). «Com’è nato l’accordo? Da una chiacchierata con Emanuele – spiega il presidente Scrocca -, a me e a D’Autilia è sembrata una buona opportunità per il nostro club e per il territorio e così ci siamo affidati alle capacità di due stimati professionisti tra l’altro cresciuti calcisticamente proprio da queste parti. Le cose finora stanno andando bene, ho avuto dei riscontri sia da parte dei miei collaboratori che soprattutto da parte dei ragazzi che sono soddisfatti e motivati. Siamo felici – continua il massimo dirigente del Villalba Ocres Moca - di aver ospitato l’innovativo metodo di allenamento che è caratteristico della Scuola portieri “Imparando” (il foowel coaching, ndr), d’altronde siamo un club molto attento alle esigenze dei nostri giovani (anche se il Villalba fa partecipare alla Scuola portieri anche i numeri uno delle squadre maggiori, ndr) come dimostra il “piccolo” record che abbiamo registrato domenica scorsa quando in occasione del derby di Promozione contro il Guidonia abbiamo schierato nove ragazzi (sugli undici titolari, ndr) passati dai nostri Allievi». La collaborazione tra le due società “sorelle” di Villalba e la Scuola portieri “Imparando” sembra proprio destinata a proseguire. «E’ quello che ci auguriamo. Siamo al primo anno insieme ed evidentemente ci sono margini per crescere ancora, come si deve cercare di fare sempre» conclude Scrocca.