Notizie
Categorie: Dilettanti - Promozione

Villalba, parla Pietro Scrocca: "Vogliamo crescere e migliorare un passo alla volta"

Il presidente della squadra neopromossa in Promozione ci racconta il progetto di rilancio del club: "Punteremo tanto sui nostri ragazzi"



Da sinistra David Di Michele, Mauro Bencivenga, Mauro D'Autilia e Pietro ScroccaL’entusiasmo e la passione sono sentimenti che muovono le persone e che le spingono verso traguardi a volte impensabili. Nella vita così, come nello sport, sono senza dubbio questi sentimenti che ti permettono di lavorare bene e di migliorare giorno dopo giorno. Questo è ciò che traspare dalle parole del presidente del Villalba Ocres Moca, Pietro Scrocca. Il presidente, raggiunto telefonicamente dalla nostra redazione, ci parla della sua passione per questa società e dei grandi progetti che stanno nascendo e che vogliono fare del Villalba Ocres Moca un club di riferimento nel panorama del calcio dilettantistico laziale.  

Presidente partiamo dal principio, quando nasce la sua passione per il calcio e per il Villalba?   

Praticamente dal giorno della mia nascita, essendo stato mio padre uno dei fondatori di una delle società che ha poi dato vita all’attuale Villalba Ocres Moca; ho iniziato come calciatore per poi intraprendere la carriera da dirigente. Alla base di tutto questo c’è una grande passione che ho la fortuna di poter coltivare. Non ci sono scopi imprenditoriali o altre finalità, ma pura e semplice passione per il Villalba e per questo sport, in particolare per il movimento dilettantistico che ritengo sia la base per il calcio professionistico.  

L’undici luglio è avvenuta la presentazione del nuovo progetto societario incentrato su due concetti cardini: identità ed entusiasmo.   

Con la parola identità abbiamo voluto sottolineare il legame con il nostro territorio, con il territorio in cui siamo nati, con Villalba. Un simbolo importante che palesa tale legame è senza dubbio quello di David Di Michele, grandissimo giocatore che ha mosso qui i suoi primi passi e che adesso ritorna a casa proprio per dimostrare il suo attaccamento a questa terra. Lo stesso discorso vale per mister Bencivenga che torna a Villalba dopo una carriera importante. L’entusiasmo è invece quello che ti fa andare avanti, è quel sentimento che hai quando sta per iniziare una nuova stagione e che sembra non svanire mai. Un sentimento che è sempre molto intenso, dal primo calcio ad un pallone fino ad oggi.  

Ha citato due figure importanti come Di Michele e Bencivenga, Certamente un motivo di orgoglio aver riportato due professionisti di questo calibro a Villalba.   

Certamente. Per quanto riguarda Di Michele, non sarà solamente uno sponsor per la società, ma è lui stesso che ci ha fatto capire come abbia grande voglia di mettere a disposizione del club la sua esperienza. Proseguirà la sua carriera da calciatore, ma nel frattempo creeremo insieme un progetto che riguarderà la scuola calcio e che possa favorire la crescita dei giovani. Non sarà quindi una semplice immagine di sponsor, ma sarà fondamentale sul campo grazie al suo grande bagaglio di esperienza. Lo stesso discorso vale per il mister Bencivenga che ha deciso di rimettersi in gioco qui a Villalba, dimostrando anch’egli il legame forte che lo lega a questa società e a questo territorio. Speriamo di aver gettato con lui le basi per un progetto di lunga durata; ciò che è certo è il grande entusiasmo che il mister ha fin da subito dimostrato per questa nuova avventura.  

Presidente quali saranno gli obiettivi del Villalba Ocres Moca per il presente e per il futuro?   

Vogliamo crescere e migliorare un passo alla volta, anche perché i proclami lasciano il tempo che trovano. Il nostro obiettivo è quello di lavorare per bene fin da subito e se riusciamo in questo intento sono certo che i risultati pian piano arriveranno. Certamente partiremo dal settore giovanile, puntando ad accrescere il valore dei nostri ragazzi sia dal punto di vista qualitativo che umano.   

 
In conclusione vorrei sottolineare l’interessante progetto di Emanuele Maggiani e della scuola portieri.  
Voglio innanzitutto ricordare come anche Maggiani abbia mosso i suoi primi passi sul campo del Villalba. Ha portato qui questo progetto che per la priva volta compare nel centro-sud della penisola. Un progetto innovativo e molto interessante, caratterizzato da nuove metodologie di allenamento. Maggiani è un grande professionista e posso assicurarvi che il modo in cui lavora è estremamente interessante. Speriamo che la piazza risponda con grande entusiasmo, ma sono certo che potrà portare solo benefici per i ragazzi che si avvicinano al delicato ruolo di portiere.