Notizie

Villanova, Menichelli e Ragucci liquidano la Fortitudo

Tre punti vitali, sia per la classifica che per il morale, quelli intascati dai tiburtini



7a Giornata
2 - 0

MARCATORI Menichelli 17' pt (V) e Ragucci 2' st (V) 

VILLANOVA D'Ippolito, Vieriu, Dini (8' st Alessandrini), Ragucci, De Bonis, Di Buccio, Sanna (15' st Morasca), Iannilli, Menichelli (36' st Graziano), Petrosino (34' st Dolciotti), Damiani (23' st Piacentini) PANCHINA Masato, Garaba ALLENATORE Ferranti 

FORTITUDO ROMA Roso, Pellegrino, Gaveglia (8' st Mazzarini), Sperati (1' st Giuliani), Alde (20' st Maresca), Magni, Bolognesi (15' st Iannucci), Oleda (1' st Devei), Ricci (20' st Maisto), Sabbatini, Sidoti PANCHINA Gerbi ALLENATORE Prece  

ARBITRO Santangeli di Albano 

NOTE Ammoniti Piacentini, Maresca, Devei. Angoli 1-5. Rec. 3' pt – 5' st.     

Uno scatto dal matchTre punti vitali, sia per la classifica che per il morale, quelli intascati dal Villanova di mister Ferranti che, con una bella prestazione corale, si impone per 2 a 0 sulla Fortitudo Roma. I primi a proporsi sono i tiburtini con Iannilli che però non mira lo specchio della porta difesa da Roso; per gli ospiti impensierisce Sidoti, ma il suo è un tiro che si spegne sul fondo. Il Villanova apre le marcature al 17' grazie ad un gran gol di Menichelli che, con un sinistro imprendibile, gela la Fortitudo Roma e trascina i padroni di casa in vantaggio. Al 30', la compagine di mister Prece prova a recuperare con Sabbatini che però spedisce alto, mentre i locali si incaricano di una punizione interessante, ma Roso è pronto a negare l'esultanza a Vieriu. Ottimo avvio di ripresa per il Villanova che raddoppia al 2' grazie al colpo di testa di Ragucci che, su assist da calcio d'angolo, allunga il passo. E' davvero velenosa la punizione sulla linea fischiata in favore della formazione ospite pochi minuti dopo: ad incaricarsi della battuta è Sabbatini che sfiora la porta di D'Ippolito. Il gioco è spezzettato da continui calci piazzati: per il Villanova Ragucci calcia alle stelle, per la Fortitudo è Sidoti a non accorciare le distanze. Al triplice fischio, pioggia di applausi per un Villanova determinato e convincente.