Notizie
Categorie: Calcio a 5 - C/5 Femminile

Virtus Ciampino, sconfitta in casa della Virtus Fenice

Le giallorosse cedono il passo al Pala Gems, scendendo al quarto posto in classifica



Le ragazze della Virtus CiampinoCalendario e classifica alla mano ora per la Virtus è dura.

Ad una giornata dalla fine del girone di andata e con la sconfitta incassata al Pala Gems, la classifica la colloca al quarto posto, scavalcata da Fb5 e Bellator Ferentum.

E se nei confronti della prima, tutto è ancora nelle mani giallorosse, un'eventuale vittoria domenica prossima contro la squadra di Bracci, potrebbe agevolare le ciociare impegnate a Tollo, incontro dalle fattezze non proibitive.

Un ottimo primo tempo non permette alla Virtus di guadagnarsi quel vantaggio tale da rendere il secondo un semplice scorrere del tempo, senza affanni e senza agitazioni. Ma anzi la costringono a rincorrere, perché se il gioco è in mano giallorossa, le disattenzioni portano al vantaggio di Volpi, subito raggiunto dalla rete di Mogavero, che De Luca trova a centro area.

A 5 minuti dalla fine del primo tempo e ancora su errore delle ospiti, Vitale porta a due il bottino orange.Il Ciampino cerca il pareggio con Centola, chiusa da Nardella, che però capitola sulla palla che Strabioli serve a Cavariani per il 2-2 che chiude 20 minuti fatti di bel gioco e grandi ingenuità, offerte ad una squadra cinica, che ha ringraziato per i regali natalizi anticipati.


Quello che un primo tempo ben giocato, che frutta però solo un pareggio, può scatenare nella testa di una giocatrice è la consapevolezza, che in un modo o nell'altro, al suono della sirena i tre punti in palio non potranno che prendere una direzione, oppure la frustrazione nel ritrovarsi tra il fango di una partita ancora aperta.


La doppietta di Vitale su punizione a soli due minuti dall'inizio della ripresa è il colpo finale. La Virtus Ciampino si scopre alla ricerca del pareggio e dall'occasione di Centola stoppata da Nardella, nasce la ripartenza per il 4-2 di Fano.Appena un minuto dopo, al 4°, arriva il 5-2 di Montanari.

Tre reti in quattro minuti, che seppur di gioco effettivo, restano comunque un inizio da incubo. Le giallorosse provano ad uscirne con Mogavero, ancora imbeccata da De Luca, con D'Errigo, che salva la porta virtussina e con De Luca stessa, che insacca il 5-4, ma è l'ex di turno Spiriti a beneficiare dell'ennesimo regalo, approfittando della libertà concessale in area, e portare il parziale sul 6-4.

Gli interventi di D'Errigo e Nardella lasciano invariato il risultato fino a cinque minuti dal termine, quando, con la carta del portiere di movimento, Centola trova subito la rete della speranza.


Il finale è al cardiopalma, occasione per De Luca, sette secondi e la punizione della numero 9 giallorossa per Mogavero si infrange contro il muro eretto da Nardella, ad 1,22 dalla fine Centola spara alta di un soffio e sfuma così, anche se la matematica lascia accesa una flebile fiammella, il sogno Coppa Italia.