Notizie
Categorie: Dilettanti - Eccellenza

Vis Artena, la carica di Pizzuti: "Pronti per Cassino e Audace"

Il difensore centrale rossoverde prende la parola dopo il ko con l'Arce che è costato l'aggancio al secondo posto



Non sono state ore facili per la Vis Artena. Il k.o. di domenica sul campo dell’Arce e il contemporaneo allungo del Città di Ciampino (ora a +6) hanno un po’ intristito l’ambiente, ma il club del presidente Matrigiani e il gruppo di mister Granieri sono tradizionalmente battaglieri e scalpitano per riscattarsi. "La sconfitta di Arce è stata dura da digerire – spiega il 23enne centrale difensivo Piergiorgio Pizzuti, tornato alla Vis Artena dopo un anno al Lariano -, ma è arrivata in maniera particolare e ancora mi rode. Abbiamo avuto un approccio sbagliato e poi dopo venti minuti è arrivata l’espulsione di Mario (Monaco di Monaco, ndr) che ci ha tagliato le gambe e pure il gol avversario sugli sviluppi di un calcio di punizione. Nella ripresa, nonostante l’inferiorità numerica, abbiamo provato a riprendere la partita: loro non hanno creato quasi più nulla e noi abbiamo sfiorato il gol del pari, ma non c’è stato nulla da fare e nel finale siamo rimasti anche in nove per il rosso a Kanku. Sotto l’aspetto del rendimento esterno, comunque, dobbiamo migliorare se vogliamo arrivare primi". Pizzuti ha riconquistato una maglia da titolare stante la scelta di mister Granieri di schierare la difesa a tre. "Un modulo già adottato in altre occasioni. Io sto avendo poco spazio, ma non mi sento una riserva e il mister mi dimostra la sua fiducia quando possibile. Con capitan Romaggioli e Pralini davanti non è facile, però io ce la metto tutta e cerco di farmi trovare pronto quando serve". Il rush di Natale non va sbagliato. Piergiorgio Pizzuti"Abbiamo due gare in cui ci giochiamo quasi tutto – dice Pizzuti – Contro il Cassino, che è una squadra forte e in netta ripresa, non avremo i due fratelli Monaco di Monaco per squalifica, ma la rosa è ampia e non possiamo sbagliare perché il Città di Ciampino non perde un colpo e sei punti iniziano a essere un vantaggio pericoloso, senza dimenticare che ci ha agganciato l’Anzio, squadra che in molti sottovalutano, ma che ha un organico notevole. L’ultima gara dell’anno – conclude Pizzuti - l’avremo sul campo dell’Audace Sanvito Empolitana e sarà un’altra battaglia"