Notizie
Categorie: Dilettanti - Eccellenza

Vis Artena, parla il tecnico Mirko Granieri: "Le prime sensazioni sono molto positive"

L'allenatore rossoverde: "Il nostro obiettivo è far crescere i tanti giovani che abbiamo nella rosa"



Il tecnico dell'Artena, GranieriE’ tempo di primi bilanci (chiaramente parziali) ed il nostro interlocutore per una chiacchierata impegnativa ma non troppo si chiama Mirko Granieri ex allenatore della Vigor Perconti ed attuale mister della Vis Artena E la prima domanda non poteva che essere quella di un primo consuntivo di ciò che si è vissuto al Comunale di Artena: “Le sensazioni dopo questa prima fase sono molto positive perché ho visto un gruppo motivato ed animato dalla voglia di apprendere subito il mio modo di intendere il calcio ed ho particolarmente apprezzato il senso di appartenenza e direi quasi la ferocia di approcciare i miei metodi di allenamento. Se devo fare un nome tra gli elementi che mi hanno sorpreso faccio quello di Mancini, un ragazzo del 92, esterno alto offensivo, che ha enormi potenzialità e margini di miglioramento. Abbiamo già disputato due gare amichevoli contro l’Alatri vinta per 1-0 ed una persa contro il Pomezia Calcio del mio amico Francesco Punzi per 1-2 ma oltre a dire che quella rossoblù è una squadra che vedo molto ben attrezzata devo anche affermare che è stata partita molto combattuta ed equilibrata con il classico tempo per uno: il primo per noi ed il secondo per loro. Ora torneremo a lavorare con molta intensità e mercoledì affronteremo l’Almas a Ciampino alle ore 17,30 ed a proposito di squadre che partono favorite credo di poter puntare sull’Albalonga che ho visto impegnata in amichevole contro l’Ostiamare e sul Cassino che ha costruito un organico da categoria superiore. Obiettivi per noi? Ha detto bene il presidente Nerino Tabanelli in occasione della presentazione: questo sarà un anno in cui dovremo puntare a far crescere i tanti giovani che abbiamo in rosa perché non bisogna dimenticare che oltre agli under obbligatori abbiamo in squadra tanti ragazzi del 92 e del 93 e quindi saremo una delle squadre più giovani del campionato, ma non voglio fasciarmi la testa perché sono sicuro che faremo bene e quindi per ora senza farci prendere da frenesie inopportune aspettiamo di poterci confrontare per poter vedere se poi in seguito avremo bisogno di qualche puntello nella rosa”.