Notizie
Categorie: Dilettanti - Promozione

Vivace Grottaferrata, Petrosino: "Usciremo da questo momento difficile"

Il difensore castellano parla della situazione delicata che sta vivendo la sua squadra



Mario Petrosino, difensore della Vivace GrottaferrataNon è sicuramente un momento positivo quello che sta attraversando la Vivace Grottaferrata. La formazione di Borsa si trova attualmente a sei punti, a più uno dalla coppia Garbatella-Cori che occupa l’ultima posizione. I castellani hanno ottenuto una sola vittoria in campionato e hanno il peggiore attacco del girone con appena cinque centri. Alla Vivace sapevano che la Promozione non sarebbe stata una passeggiata, ma probabilmente non si sarebbero aspettati una partenza così difficoltosa. Mario Petrosino, difensore centrale della squadra castellana, ci parla di questo momento non semplice: “Il campionato è lungo e ci sono ancora molti punti a disposizione per cambiare la nostra classifica. Stiamo attraversando un periodo non semplice, anche a causa di squalifiche ed infortuni. Noi però non ci abbattiamo, sappiamo di avere le qualità per rialzarci ed uscire da questa situazione. La società non ci fa mancare nulla ed è sempre stata al nostro fianco, sostenendoci e spingendoci a dare di più. Probabilmente a dicembre la dirigenza interverrà sul mercato inserendo un paio di elementi di esperienza che possano contribuire alla crescita del gruppo”. Mario Petrosino continua poi parlando dell’impatto che ha avuto la Vivace Grottaferrata con il campionato di Promozione: “Sicuramente non è stato semplice e questa è una cosa che soffrimmo anche lo scorso anno in Prima Categoria. Iniziammo male ma poi riuscimmo a crescere e a finire il campionato alla grande. Finora abbiamo quasi sempre fornito buone prestazione, almeno in casa, ma non siamo riusciti a tramutarle in punti. Sono però convinto che il buon gioco alla lunga paghi”. Infine il difensore classe ’92 parla della sterilità mostrata fino a questo momento dal reparto d’attacco, nonostante il gioco di mister Borsa sia decisamente propositivo: “Effettivamente finora siamo riusciti a sfruttare poco le occasioni create. Nel reparto offensivo abbiamo giocatori di qualità, ma forse manca il classico uomo d’area di rigore. Inoltre facciamo fatica a cambiare il nostro stile di gioco in base all'avversario che affrontiamo. Il mister predilige le giocate palla a terra e il possesso di palla, evitando di ricorrere ai lanci lunghi. Quando incontriamo una squadra che invece è abituata a giocare poco il pallone sembriamo andare in difficoltà e questo finora è stato senza dubbio un limite. La rosa però ha qualità e con il lavoro sono sicuro che usciremo da questo momento delicato”.