Notizie
Categorie: Altri sport

Volley, Mondiali 2014: l'Italia stende il Giappone e vola alla Final Six

Le ragazze di Bonitta superano 3-0 le nipponiche e conquistano l'accesso alla terza fase della manifestazione. Domani la decisiva sfida contro la Cina per la prima posizione del girone



ITALIA - GIAPPONE 3 - 0 (25-23, 25-20, 25-19)


ITALIA Piccinini (K), Lo Bianco, Centoni, Arrighetti, Chirichella, Del Core, Costagrande, Bosetti C., Signorile, Diouf, Folie, De Gennaro (L) ALLENATORE M. Bonitta

GIAPPONE Kimura (K), Sakoda, Nagaoka, Ebata, Shinnabe, Miyashita, Ishii, Nakamichi, Takada, Yamaguchi, Ono, Sato (L) ALLENATORE M. Manabe

ARBITRI Pobornikov (Bulgaria), Yener (Turchia)

NOTE Durata set 29', 27', 27' Top scorer dell'incontro Centoni (Italia) con 18 punti


La festa azzurra (Foto © Ansa)Solo le asiatiche separano l'Italia dalla Final Six di Milano: un punto da fare e due partite a disposizione. Quella contro il Giappone è la prima in programma. Le caratteristiche di questa squadra sono ben chiare da sempre, ovvero percentuali di difesa incredibili e un gioco basato interamente sulle bande. L'Italia fa fatica a fare punto ed è costretta a rincorrere, anche perché le innumerevoli battute sbagliate impediscono qualsiasi ripartenza. Il pareggio arriva sul 16-16, spinto soprattutto dalla grinta di Del Core e dalla potenza di Centoni. Si va avanti punto a punto, ma il primo set point è dell'Italia. Avanti 24-23, Diouf dai 9 metri piazza un pallone sulla riga di fondo campo e regala il primo parziale alla sua squadra.

Le giapponesi cercano il pronto riscatto e cominciano il set con uno score di 3 punti. Le azzurre sono brave a capovolgere la situazione con il turno di battuta di Del Core e si portano sul 4-3 nel giro di pochi scambi. Centoni e Costagrande sono le migliori realizzatrici e proprio la loro esuberanza permette all'Italia di distaccare le avversarie 14-11. Peccato che il vantaggio vada a dissiparsi un minuto dopo, col pareggio 14-14. Una nuova spinta azzurra permette una maggior sicurezza sul 22-16. De Gennaro è meno precisa del solito in ricezione e costringe la sua squadra a compiere qualche passo falso (22-19), tuttavia Lo Bianco e compagne sanno come riprendere in mano le redini del gioco e soprattutto come chiudere il set: il muro di Centoni segna il 25-20 e stacca ufficialmente il biglietto per Milano.

Coach Bonitta durante un time outNel 3' parziale Bonitta schiera Piccinini su Del Core sin dall'inizio. Chirichella si sblocca in attacco con una fast perfetta, ma è la Centoni la vera trascinatrice della squadra. Le giapponesi non riescono ad arginarla in nessun modo, né a muro né tantomeno in difesa. C'è spazio per Folie,  Bosetti, Signorile e Diouf nella cavalcata che porta verso la fine dell'incontro. Avanti 20-13, le azzurre beneficiano di qualche errore delle giapponesi. Le asiatiche sono però brave ad annullare i primi 3 match-point delle azzurre, prima che un altro attacco finisca fuori e fermi il tabellino sul definitivo 25-19. La squadra di Manabe saluta così il Mondiale, mentre Bonitta può finalmente lasciarsi andare all'entusiasmo: "Abbiamo un pieno di adrenalina grandissimo, un pieno che in questo momento può fare la differenza per noi. Se riusciremo a fare di più soprattutto in attacco, qualcosa potremo dirla anche più avanti ".