Notizie

Wojtyla Cup, la Rappresentativa vince e tiferà Roma nel derby

Grande prestazione della selezione di Rossi che elimina il Sarajevo con un emozionante 4-2 e sogna la qualificazione: nel match di oggi tra Lazio e giallorossi, i biancocelesti devono vincere con più di un gol di scarto per passare



SARAJEVO - RAPPRESENTATIVA LND 2-4
MARCATORI 19'pt e 35'st (rig.) La Terra (R), 33'p Aganspamic (S), 2'st e 32'st Lo Russo (R), 4'st Simovic, 
SARAJEVO Trifkovic 6, Tamiri 5,5, Rastoder 5,5, Miletic 6,5, Pendek 5, Zeltkovic 5,5, Cenaj  5,5 (23'st Vihric sv), Ademovic 6,5 (1'st Smovic 6,5), Aganspamic 6,5, Andusic 6, Osmanovic 5,5 PANCHINA Sutic, Kadric, Heric, Avdic ALLENATORE Hasanic
RAPPRESENTATIVA LND Bellacanzone 6, Barbarisi 5,5, Bonaventura 5,5 (13'st Vitali 6), De Dominicis 6, Fratini6,  (15'st Vecchiotti), Giampaolo 7, La Terra 8,  Lo Russo 6,5, Marino 6 (5'st Matarazzo), Palmieri (17'st Balletti), Tomei PANCHINA Andolfi, Bonacini, Panico ALLENATORE Rossi
ARBITRO Ferrara di Roma 2, 5,5 Assistenti Mari di Roma 2 e Noce di Roma 1
NOTE Ammoniti Miletic Angoli 2-5 Rec. 2'st

Sarajevo e Rappresentativa LND a fine primo tempo GAZZETTA REGIONALEServiva una vittoria ed una vittoria è arrivata. La Rappresentativa LND elimina il Sarajevo e continua a tenere aperto il discorso qualificazione. Il 4-2 contro i serbi permette a Maurizio Rossi di sperare ancora ad un passaggio del turno legato comunque ad un filo. La selezione laziale con questa vittoria vola momentaneament in testa al girone ma dovrà aspettare il derby capitolino di oggi per conoscere il proprio destino. La qualificazione gira tutta intorno al discorso legato alla differenza reti: se la Lazio batterà gli Allievi della Roma solo con un gol di scarto (e se ovviamente pareggierà o perderà) sarà la Rappresentativa a passare; se i biancocelesti segneranno due o più reti in più ai cugini allora saranno loro a giocarsi il titolo finale.
Primo tempo. La Rappresentativa gioca meglio e al 5' va subito vicino al gol con Fratini che, trovato da Giampaolo in area, prova a girare di prima intenzione: palla fuori all'altezza del primo palo. Al primo affondo però, il Sarajevo spaventa subito la squadra di Maurizio con Aganspamic che prova la girata in area con il mancino che però non trova lo specchio della porta per mezzo metro. Arriva il 19' e La Terra decide di tirare fuori il coniglio dal cilindro; guadagna palla dai venticinque metri e da fermo lascia partire un sinistro morbido quanto preciso che termina la sua traiettoria a palombella sotto l'incrocio più lontano: è il gol dell'1-0. Al 30' i serbi provano la  reazione è sfiorano il pareggio clamorosamente: corner calciato verso l'esterno, sponda di testa verso l'area piccola e tocco ravvicinato in spaccata di Miletic che con la porta spalancata davanti si divora l'1-1, lamentando anche un disturbo irregolare di un avversario ma l'arbitro lascia continuare. Però è solo il preludio al gol dei granata che arriva al 33': fallo laterale battuto in area, è tenera la marcatura su Aganspamic che con una bella deviazione aerea gira verso il secondo palo gelando la banda di Rossi. Dopo la rete del Sarajevo la partita diventa più fisica e ci rimette lo spettacolo. A riprovarci è la selezione della LND al 43' con'esterno di Giampaolo che esalta Trifkovic e si rende protagonista dell'ultima emozione del primo tempo.
Secondo tempo. I ragazzi di Maurizio Rossi ripartono subito alla grande e sugli sviluppi di un calcio di punizione trovano il nuovo vantaggio: bel lancio in area sul secondo palo, sponda di Giampaolo e favolosa mezza rovesciata di Lo Russo che in bello stile sigla il 2-1. Poi però la Rappresentativa si fa sorprendere di nuovo e due minuti più tardi è costretto ad arrendersi al nuovo, immediato, pareggio del Sarajevo: Aganspamic guadagna un pallone, se ne va in contropiede e pesca a centro area il neo entrato Simovic che a porta vuota gonfia la rete. Al 12' la squadra di Maurizio Rossi rischia il tracollo definitivo quando lo scatenato Andusic riesce ad andarsene sulla sinistra, arriva all'ingresso dell'area piccola e tenta un favoloso pallonetto con la palla che si stampa sul palo interno, danza sulla riga di porta e viene allontanata dalla difesa laziale. Alla Rappresentativa serve la vittoria, alza finalmente il baricentro prendendo in mano la partita e sfiora il gol con due calci di punizione: prima con Vitali che sfiora di un nulla ilbersaglio grosso, poi al 26' con La Terra che con un delizioso sinistro a giro sopra la barriera coglie in pieno la traversa, con Vitali che non riesce ad essere incisivo sulla ribattuta. Ancora un'occasione per i laziali un paio di minuti più tardi, stavolta con Giampaolo ma è fenomenale l'uscita di Trifkovic che chiude ogni spiraglio all'attaccante ma la banda di Rossi trova finalmente il vantaggio su calcio di rigore: Lo Russo viene atterrato da Miletic, lo stesso numero 13 va sul dischetto e spiazza Trifkovic per la rete del 3-2. Vincere e fare più gol possibili in chiave differenza reti; questo era l'imperativo per la selezione della LND, La Terra se lo ricorda al 35' e dipinge un altro capolavoro con il sinistro dai venti metri, come già fatto nel primo tempo, segnando il 4-2. E' l'ultima emozione del match, la selezione Juniores de Lazio volta a sette punti ed ora aspetta il derby capitolino sperando nel miracolo della Roma.