Notizie
Categorie: Dilettanti - Giovanili

Zarelli richiama squadre e tesserati: "Stop alla violenza sui campi"

Il presidente del Cr Lazio dirama un comunicato dopo un weekend da domenticare: "Occorre una presa di coscienza e una profonda riflessione per ritrovare i giusti valori"



Questa la lettere rivolta ai tesserati e alle società dl presidente Melchiorre Zarelli, dopo un weekend da dimenticare sotto il profilo della violenza. Tantissimi gli episodi che hanno macchiato il movimento laziale e che hanno costretto il numero uno del comitato a richiamare all'ordine tutti gli addetti ai lavori. Troppi, davvero troppi, gli episodi già verificatosi in questi due mesi di attività, con l'augurio che le parole del presidente possano far riflettere prima che questi episodi possano sfociare in qualcosa di irreparabile. Di seguito il testo integrale del messaggio pubblicato sui comunicati ufficiali.

Melchiorre Zarelli © Gazzetta Regionale"Trascorse poche settimane dall’inizio dei Campionati di Prima e Seconda Categoria, debbo, mio malgrado rilevare come si stiano verificando, con preoccupante reiterazione, anche nei campionati giovanili, episodi di violenza sia tra tesserati che a danno dei direttori di gara. La trasformazione dei campi di giuoco in campi di battaglia è un processo che deve essere arrestato immediatamente; ne va della sopravvivenza dell’intero movimento calcistico E non può, e non deve essere, l’irrogazione delle sanzioni da parte degli Organi della Giustizia Sportiva l’unico deterrente. Occorre una presa di coscienza. Una profonda riflessione che conduca a rivedere i propri comportamenti e fare opera di prevenzione diffondendo messaggi di vera cultura sportiva. E’ bene che gli opportuni correttivi vengano adottati per tempo. Non si deve permettere che venga vanificato quanto, con la passione ed i sacrifici propri del calcio dilettantistico, è stato costruito nel corso degli anni. Per questo mi rivolgo ai Presidenti di società, e, soprattutto ai Dirigenti e Tecnici presenti nei terreni di giuoco in occasione delle gare, affinchè sia loro il primo passo verso chi, con comportamenti fuori dalle regole, non solo sportive ma anche del vivere civile, danneggia lo sport che tanto amiamo. Dimostriamo, con i fatti, di volere bene al calcio dilettantistico e giovanile.

 Melchiorre Zarelli